poesie

POESIE

 

POESIE IN DIALETTO BERGAMASCO

Una raccolta di poesie in dialetto Bergamasco, per riscoprire le tadizionali del nostro territorio, recuperando i saperi antichi e dimenticati.

 

Un grazie di cuore a tutte le persone che hanno collaborato e quelle che vorranno collaborare, con il loro impegno e competenza a migliorare questo nostro progetto.


 

INDICE DELLE POESIE

 

  • Copà ‘l porsèl
  • La cüsina bergamasca
  • La fürbissia del Pierino
  • Turna Pacì Paciana

 

 

 

POESIE

 

maiale

 

Copà ‘l porsèl

 

Noèmber nebiùs ‘n de stal,


zemò de matina gh’ìa ü gran müimènt,


panére gratade co l’àcua sbroiéta,


cortèi ripassàcc coi fìi de la cut.

 

Töcc i spetàa ‘l rià del massàder,


l’éra lü che l’disìa che l’éra töt prónt,


l’indàa ‘n de la stala l’tiràa fò ‘l porsèl,


l’ìa cóme ü spetàcol, che töcc i spetàa.

 

 

Ü cólp de chi nècc e ‘l póer porsèl, 


a l’dàa la sò éta per töte i famèe 


che per töt ‘l an i gh’éra dacc


anche ergót del sò personàl

per fàl dientà bèl.

 

 

Finìd la giornada e fò là ‘n de stal,


gh’ìa adóma öna smàgia de àcua,


i péi, i ónge coi rèscc de trà vià,


i era testimòne de ü tòch de éta

che turnàa a girà.

 
Gigi Medolàgh

 

Uccisione del maiale

Novembre mese nebbioso negli stalli,
già di mattina c’era un gran movimento,
recipienti grattati e puliti con acqua bollente,
coltelli affilati con la pietra.

Tutti aspettano l’arrivo del macellaio,
era Lui che diceva che era tutto pronto,
andava nella stalla e trascinava fuori il maiale,
era lo spettacolo che tutti aspettavano.

Un colpo secco e il povero maiale,
dava la sua vita al sostentamento delle famiglie
che per tutto l’anno lo avevano alimentato
dandogli anche di più per farlo diventare più bello.

Terminata la giornata nel cortile della cascina,
era rimasto solo una macchia scura di acqua,
peli, le unghie con alcuni resti da portare via,
erano testimoni di un pezzo di vita che girava di nuovo.

 

Luigi Medolago

 

polentataragnaorobica

La cüsina bergamasca

 
La cüsina bergamasca
töte i bóche la conténta
specialmènt se  sö la brasca
la fa cös a’ la polènta.
 
Col sò  göst la tègn in véta
i pröföm de la natüra
tat che ‘l cör impò poéta
l’se smülsina e con premüra
 
a l’invènta söi bucù
rime dólse amò basade
de la fiàma de chèl sul
che ü bèl dé i éra ‘ndorade.
 
E gh’è mia de fas marvéa
se de spèss sènsa cöntà
icoi bucù gulùs in bóca
i vé a gàla i madrigài
 
che pò dòpo per ol mónd
a s’i tróa sö töcc i tóncc
ch’i spantéga col vì ‘n di fiàsch
ol saur di bergamàsch!

 

La cucina bergamasca

La cucina bergamasca
tutte le bocche accontenta
in special modo se sulla brace
fa cuocere anche la polenta.

Col suo gusto tiene in vita
i profumi della natura
tanto che il cuore un po’ poeta
si ammorbidisce e con con premura

inventa sopra i suoi bocconi
rime dolci ancora baciate
dalla fiamma di quel sole
che un bel giorno le aveva dorate.

E non c’è da meravigliarsi
se di frequente senza contarli
sui bocconi golosi in bocca
vengono a galla i madrigali

che poi in giro per il mondo
li troviamo su tutti i piatti
che inondano con il vino nei fiaschi
il sapore dei bergamaschi!

 

Carmen Fumagalli Guariglia

 

 

pierino

 

La fürbissia del Pierino

 

Ol nòst Pierino, che a parlà l’incanta


e che töcc i laùr i a èd fò n’ d’ü spècc,


a l’ và del pàder e decìs l’impianta


ü di sò discursì piö balossècc.



 

“Papà – l’ ghe diss – la nona l’è ignoranta:


gh’ho domandàt in do’ ch’i nass i sccècc
e

la m’à respondìt: “sota öna pianta


o ‘n d’ü gabüs de érs, o sota ‘l tècc!…..”



 

Dóca, scolta ü momènt, caro papà,


per mé l’afare l’ gh’à la so importansa,


dóma tè te me pödet consiglià



 

e te pö dim se l’è o no l’è creansa:


m’ ghài de diga a la nona la erità,


o m’ la lassa crepà ‘n de l’ignoransa?



 

Luigi Gnecchi

 


La furbizia delPierino

 

Il nostro Pierino, buon parlatore
e

che tutte le cose le vede specchiate

va da suo padre e improvvisa

un discorso un po’ biricchino.

 

Papa, gli dice, la nonna per me è ignorante:

gli ho domandato dove nascono i bambini

e mi ha risposato “ sotto una pianta,

o sotto un cavolo, o sotto i tetti!..

 

Allora, ascoltami un momento, caro papa,

per me la cosa è molto importante,

e solo tu mi puoi consigliare

 

e puoi dirmi se è giusto o no:

dobbiamo dire la verità alla nonna,

o la lasciamo morire nella sua ignoranza?.

 

Luigi Gnecchi

 

 

 


pacipaciana

 

Turna Pacì Paciana

Turna, Pacì Paciàna! La zèt l’è sèmper chèla
e ‘l’pùt l’è sèmper lè, i càmbia ‘n po’ i dìvise
ma ‘l Brèmp no l’ tùrna ‘ndrè!
I vèsse è sèmper chèi e i làder i comànda,
ma chi legalizàcc o mèi de professiù,
che i spara de gran bale de stüpecc e spacù!

Intat i fà carièra a spèse de chi paga i tasse
per i dèbecc e per finì ‘n galèra!
Ma piö gna ‘l Padretèrno l’ sè fiderès
a nàs compàgn de l’òtra òlta in chèsto nòst
paìs perchè i lo sbranerès insèm co la treìs!

L’è sèmper chèla màfia dei fürbi e dei balòs,
che co la cùa de pàia la mèt töt quànt a pòst!
Pò i dìss che l’è la lège che la decìde iscè;
ma lùr i è sèmper chèi che i fà, che i vùlta
e i pìrla la lège co la zèt!
Pò i te denüncia ‘nfì per mètet a tasì !

Ma töce i scüse è bùne per tègnet incastràt!
Tùrna, Pacì Paciàna, a fà ‘l castìga màcc,
tùrna ‘nde Vàl Brembàna perchè m’ sé disperàcc!

 

C. Guarriglia

 

Torna Pacì Paciana


Torna, Paci Paciana! La gente è sempre la stessa

il ponte è ancora la, cambiano un po’ le divise

ma il Brembo no non torna indietro!

I vizzi sono sempre gli stessi e i ladri comandano,

ma quelli legalizzati, o meglio di professione,

che raccontano gran menzogne da stupidi e spacconi.

 

Infatti fanno carriera a spese di chi paga le tasse

per i debiti e per finire in prigione!

Nemmeno il Gesù si fiderebbe

a rinascere come l’altra volta in questo nostro

paese perché lo divorerebbero insieme alla greppia.

 

E’ sempre la solita maffia dei furbi e dei dritti,

che con la coda di paglia sistemano tutto!

Poi dicono che è la legge a decidere in quel modo;

ma loro sono sempre quelli che fanno, disfano

e rivoltano la legge con la gente!

Alla fine poi ti denunciano per farti tacere!

 

Tutte le scuse sono buone per incastrarti!

Torna, Paci Paciana, a fare il castiga matti torna in

Val Brembana perché siamo disperati

 

C. Guarriglia