DIALETTO.DETTI

DETTI E MODI DI DIRE

 

Vogliamo quì presentare una raccolta di “Detti”, frutto di una ricerca e studio fatta in varie zone della bergamasca. Modi di dire che possiamo tuttora sentire, anche se, nei discorsi sono sempre più rari, con il rischio che vadano a scomparire. Un lavoro che, per sua natura, non può ritenersi ne essere mai completato.

 

  A 

 

A cus senza grop a s’cus per negòt. 

Chi cuce senza fare il nodo, cuce invano.

A fà di mestèr che no s’s'è bù, a l’ve lóngh la barba.

A fare mestieri che non si conoscono, si perde un sacco di tempo..

A fa ‘l siòr senza entrada l’è öna éta busèrada.

Fare il ricco senza entrata è una vita tribolata.

A fa ‘l cönt sensa l’ostèr bisogna fal do olte.

Chi fa il conto senza l’oste deve farlo due volte.

A fabbricà ‘n piassa, chi la öl volta, chi la öl bassa.

Chi fa le cose in pubblico, finisce con l’accontentare nessuno.

A l’ creperà la aca a ü pòer òm.

Creperà la vacca ad un pover uomo.

A l’ piöf ol formài sö i macarù.

Piove il formaggio sui maccheroni

A l’ val mia a cór basta rià a üra.

Non serve correre, basta arrivare in orario.

A menàla tròp la spössa.

A rimestarla troppo, puzza.

A pissà contra ‘l vent as’ bagna i braghe.

Chi orina contro vento finisce col bagnarsi i pantaloni.

A sto mond al val miga a esga, ma ‘l val a saìga stà.

Non è tanto importante essere al mondo, ma saperci stare.

A töte i mame ghe par bei i sò s-cècc.

A tutte le mamme sembrano belli i loro figli.

A zögà mia s’é sigür de èns.

A non giocare si è sicure di vincere.

A’nda al möli as’ s’infarina.

Chi va al mulino si infarina.

Ai caai magher al ghe cor drè töte i mosche.

Ai cavalli magri corrono dietro tutte le mosche.

Ai poveri corrono dietro tutte le disgrazie.

Amùr de fradèi amùr de cortèi.

Amore di fratelli, amore di coltelli.

Amùr e geloséa i nas in compagnéa.

Amore e gelosia nascono in compagnia.

Aria de fessüra, aria de sepoltüra.

Aria di fessura, aria di sepoltura.

As’ gh’à du sachèi, ü denàcc e ü de dré.

Si posseggono due bisacce, una davanti e una di dietro. 

A s’ sènt la Madóna a pestà ‘l lard.

Si sente la Madonna che pesta il lardo.

Avril Avrilèt  ü  dé cold, ü dé frècc.

Aprile apriletto, un giorno fa caldo , un giorno fa freddo.

 

 

 B    

 

Basta adóma ölì che s’ ga rìa a fà töt.

Basta volere che si può far tutto.

Basta nóma ölì che s’ga rìa a fà töt.

Basta volerlo che si può fare tutto.

Bèl in fassa, bröt in piassa.

Bello in fascia, brutto in piazza.

Bergamàsch, u l’ la fa de coiò per no pagà dasse.

Bergamasco, si finge minchione per non pagare dazio.

Betegà mia, parlà ciàr, fò di décc.

Non balbettare, parlar chiaro e deciso.

Bisognerès viga di amis ach a cà del diaol.

Bisognerebbe avere amici anche a casa del diavolo.

Biót cóme ün èrem.

Nudo come un verme.

  

 

 

Caàl pisseni ‘l pàr sèmper poledri.

Cavallo piccolino pare sempre un puledrino.

Cà sò e po’ piò.

Casa sua e niente più.

Cargàt cóme ün àsen.

Con tanti bagagli da portare. 

Casà fò i orège, sgüràs i orège.

Ascoltare bene.

Cassà o mèt töt in d’ü sach.

Fare di ogni erba un fascio.

Catìv cóme ‘l pecàt.

Cattivo come il peccato. 

Chèl che böta böta.

Quel che succede succede.

Chèl che ghe öl, ghe öl.

Quello necessario ci vuole.

Chi à facc ol mal, faghe a’ la penitenza.

Chi a fatto il male, faccia anche la penitensa.

Chi à mangiat la carne, al mange a’ i òss.

Chi a mangiato la carne, mangi anche le ossa.

Chi bèl völ comparì, impò d’ mal l’à de sofrì.

Chi vuol apparire bello, deve patire un po’ di dolore.

Chi è del mestèr pöl di ‘l so parèr.

Chi è del mestiere può esprimere il suo giudizio.

Chi è söpèrbe è a’ ignorànt.

Chi è superbo e anche ignorante.

Chi gh’à la rogna, se la grate.

Chi ha la rogna se la gratti.

Chi gh’à tórt, ‘l vusa più fórt.

Chi ha torto grida più forte.

Chi gh’à ü mestér i tróa ‘l pà de per töt.

Chi ha un mestiere non muore mai di fame.

Chi no pöl fà come l’völ, a l’faghe cóme l’pöl.

Chi non riesce a fare come vuole, faccia come può.

Chi non gh’à antadùr i se anta d’ per lur.

Chi non ha estimatori si vanta da solo.

Chi öl ol póm, bate la rama; chi öl la s-cèta carèse la mama.

Chi vuole la mela, batta il ramo, chi vuole la figlia accarezzi la mamma.

Chi tròp i stödia,macc i deènta e chi no i stödia, pórta la brènta.

Chi studia troppo diventa matto, chi non studia fa il portabagagli.

Co i sólcc a s’ fà de töt.

Con i soldi si può far tutto.

Cóme a s’ fà a s’ pènsa.

Come si agisce si pensa.

Con piö s’ laura, piö s’ va ‘n malura.

Più si lavora, più si va in malora.

Cöntà comè l’òmbra d’ün àsen.

Vale quanto l’ombra di un asino.

Cór come ü cà livrér.

Corre velocemente.

Credì de robà ‘l lard a la gata.

Pensare di poter rubare il lardo alla  gatta.

 

 

 

Daga mia del pasalà.

A chi ha ancora molto da fare.

De sèt agn a s’s'è s-cècc, de setanta s’sè amo chèi.

A sette anni siamo ragazzi, a settanta siamo ancora quelli.

Destùrcet fò  -  desciùlet fò.

Finisci il discorso o il lavoro.

Dì mai che te gh’n'è gna ü.

Non dire mai che non ne hai neanche uno.

Non dire mai che non hai neppure una lira.

Di ólte al val piö la lapa che la crapa.

volte vale di più la lingua che l’intelligenza. 

Di ólte al val piö la lapa che la sapa.

A volte vale di più la lingua che la zappa.

Drécc cóme ü füs.

Diritto come un fuso.

Dür con dür, per fa che s’ faghe, nò farà mai ü bù mür.

Duro con duro, per quanto si faccia, non faranno mai un buon muro.

 

 

 

A copà ü pöles de zenér a se n’ còpa ü sentenér.

Ad uccidere una pulce il mese di gennaio, se ne uccide un centinaio.

Ècc cóme l’Bacöch.

Vecchio come il Bacucco.

Èss amò ‘n del cap di sìch pèrghe.

Essere ancora all’inizio.

Èss l’öltima röda del car.

Non contare niente.

Èss mia bù de di dò paròle.

Non saper dire due parole.

Èss sèmper istàcc sóta ‘l bigaröl de la mama.

Non è mai uscito dal paese.

Èss söcc de parole.

Parlare poco. 

Ėss disperàt e sbioch comè san Quinti.

Essere disperato e a bolletta come San Quintino.

Ėss indré ü car de rèf.

Essere indietro smisuratamente.

Ėss ne l’età de la stupidera.

Essere nell’età dell’adolescenza.

 

 

F

 

Fa cös ergü co l’ài.

Tormentare qualcuno.

Fa èd la lüna ‘n del pòss.

Imbrogliare qualcuno.

Fà ün öv fò de la cagna.

Fare una cosa straordinaria.

Fàghen öna pòrca a ergü.

Fare un tiro a qualcuno.

Fals cóme Giüda.

Falso come Giuda.

Famàt cóme ü lüv.

Affamato come un lupo.

Fàn dét öna di sò.

Farne una delle sue.

Fàs öna resù, mèt ol cör in pas.

Farsene una ragione, mettere il cuore in pace.

Fà e desfà, l’è töt laurà.

Fare e disfare è tutto lavorare.

Fì chèl che ve dighe e mia chèl che fó.

Fate quello che vi dico e non quello che faccio.

Fórt come ü leù.

Forte come un leone.

Fortünada chèla spüsa, che la prima l’è öna tusa.

Fortunata quella sposa, la cui prima è una figlia.

 

 

G

 

Gacc inguantàcc i ciapa mìa racc.

Gatti inguantati non acchiappano topi.

Ghè reméde a töt, fò che a la mórt.

C’è rimedio a tutto fuorchè alla morte.

Ghè reméde a töt, fò che a l’òss del còl.

C’è rimedio a tutto fuorchè all’osso del collo.

Gna a tàola gna ‘n lècc, ga öl mìa rispècc.

Né a tavola né a in letto è bene fare complimenti.

Grassa cüsina, màgher testamènt.

Grassa cucina, magro testamento.

 

 

I

 

I disgràssie no i è öna se no i è dò.

Alla prima disgrazia ne succede sempre un’altra.

Ignorànt cóme öna böba.

Ignorante come una upupa.

I mestér i dis: o èndem o tèndem.

I mestieri dicono: vendimi o controllami.

I òmegn i gh’à i agn ch’ì se sènt e i dòne chèi ch’i dimóstra.

Gli uomini hanno gli anni che si sentono le donne quelli che dimostrano.

I pensèr i fà ègn vècc prima del tép.

I pensieri fanno invecchiare più in fretta.

I sólcc i và e i vé.

I soldi vanno e vengono.

I zùegn i pöl mör, ma i vècc bisògna ch’i möre.

I giovani possono morire, ma i vecchi devono morire.

Impó per ü l’ fa mal a nissü.

Un po’ per uno non fa male a nessuno.

In cà sò s’pöl gód la libertà.

A casa tua puoi godere la libertà.

In d’öna cà gh’è sèmper del defà.

In casa c’è sempre da fare.

In del bisògn l’è bù töt.

Nel bisogno è tutto buono.

In töcc i mestér gh’è la so malissia.

In tutti i mestieri c’è la sua malizia.

Indà dré a ergü col söchi d’la mél.

Parlare a qualcuno con le buone.

Indà de per lur.

Andare da soli.

Indà de caàl in àsen.

Andare di male in peggio.

Indà vià la òia.

Perdere la voglia di fare.

Indà vià söl piö bel.

Andare via sul più bello.

Indoè gh’è ‘l defà, gh’è a ‘l dedì.

Dove c’è da lavorare c’è anche da discutere.

Intrégh cóme öna bóra.

Ignorante.

 

 

L

La boca l’è mia straca se la sent mia de àca.

La bocca non e sazia se non sa di formaggio.

La bolèta gössa ‘l talènt.

La bolletta aguzza il talento.

La buna moér la fa l’òm bù.

La buona moglie fa il buon marito.

La gh’è pasada pò a Napoleù, la ghe paserà pò a lü.

La collera è pasata anche a Napoleone, passerà anche a lui.

La lèngua l’è sènsa òss, ma l’è chèla ch’i a fa rómp.

La lingua non ha ossa, ma le fa rompere.

La libertà no gh’è sólcc ch’i l’ la paghe.

Non ci sono soldi per pagare la libertà.

La malva töcc i mai i a calma.

La malva calma tutti i mali.

La mórt la fa mia anticamera.

La morte non fa anticamera.

La mórt la fa ‘ntort a nissü.

La morte non guarda in faccia nessuno.

La nòcc l’è facia per i lóch.

La notte è fata per i balordi.

La ròba l’è mìa de chi ‘la fa, ma de chi ‘la gót.

La roba non è di chi la fa, ma di chi la gode.

La ròba robàda la fa poca dürada.

La roba rubata dura poco.

La söpa sènza formài l’è öna caròssa sènza caài.

La zuppa senza formaggio è una carrozza senza cavalli.

La tròpa confidenza, la fa pèrd la rierensa.

La troppa confidenza, fa perdere la riverenza.

Larg de boca e strècc de ma.

Largo di bocca e stretto di mano.

Laurà pèr ü tóch de pa.

Lavorare per un compenso irrisorio.

L’amùr e la tòs i se fa conòs.

Amore e tosse si fanno conoscere.

L’amùr l’è òrb.

L’amore è cieco.

L’erba catìa la stanta a mör.

L’erba grama muore difficilmente.

L’è al mond perché gh’è pòst.

E’ al mondo perché c’è posto.

L’è mèi crapa pelada che crapa sotrada.

Meglio testa pelata che testa sotterrata.

L’è mèi ègn róss che nìgher.

Megio diventare rosso, di vergogna, che nero, di botte.

L’è mèi póch che negót.

Meglio poco che niente.

L’è mèi spetà che fà spetà.

Meglio aspettare che far aspettare.

L’è mèi südà che barbelà.

E’ meglio sudare che tremare dal freddo.

L’è mèi zét che róba.

Meglio gente che roba.

‘L gh’à ‘n bèl tóch de tèra.

Ha un bel pezzo di terra.

L’òm l’è cassadùr.

L’uomo è cacciatore.

L’òm l’è mai contét.

L’uomo non è mai soddisfatto.

L’interèss al ròmp i amicìssie.

L’interesse rompe le amicizie.

‘L gh’à ‘n bèl tòch de tèra.

Ha un bel pezzo di terra.

La gh’è pasada pò a Napoleù, la ghe paserà po a lü.

E’ passata anche a Napoleone, passerà anche a lui.

La mórt la fa ‘ntort a nissü.

La morte non guarda in faccia nessuno. 

Laurà per ü tòch de pa.

Lavorare per un compenso irisorio.

Leà sö a l’alba del mesdè.

Alzarsii verso mezzogiorno.

Leà sö ‘nvèrs, co la peröca stórta.

Alzarsi di cattivo umore.

Ligàt sö cóme ü salàm.

Legato come un salame.

 

 

M

 

Maiamét de fidech.

Mangiarsi il fegato.

Mangià d’ la sal per iscödìs la sit.

Mangiare sale per alleviare la sete.

Mangià ergót issé, ‘mpé.

Mangiare qualcosa in piedi.

Mèt sö la pèl.

Arrischiare la vita.

Mèt vià ‘l pensér, Mèt zo ‘l pensér.

Abbandona l’idea.

Mort ü candeli s’impìa öna tórsa.

Spenta una candela si accende una torcia.

 

 

N

 

‘N se mia gnamò a mètà strada.

Non siamo ancora a metà del percorso.

Negòsse de legnàm, gran fracàss e póch guadàgn.

Negozio di legname, molto rumore e poco guadagno.

Nèt cóme ü spècc.

Pulito come uno specchio.

‘Ndo l’ gh’è di campane, a l’ gh’è a’ di pötane.

Dove ci sono campane, ci sono anche puttane.

No basta pödi, bisogna ölì.

Non basta potere, bisogna volere.

No l’ghe n’è mia.

Non c’è più niente.

No s’pöl mia fa du mestér in d’öna ólta.

Non si fanno due lavori assieme.

No stè a pensà de ‘nda vià.

Rimanete.

Non l’farèss gnach a ‘ndoràm.

Non lo farei neanche a pagarmi in oro.

 

 

O

 

Ognü ’l sò mestér.

A ognuno il suo mestiere.

O pagà, o pregà, o scapà.

O pagare, o pregare, o scappare.

Òia de laurà sàltem adòs.

Voglia di lavorare stammi lontana.

Òia o mìa òia, ol mîs de mas  ‘l  böta la fòja.

Voglia o non voglia, maggio porta la foglia.

Öna cà sensa ècc l’è compàgn d’öna cà sensa tècc.

Una casa senza vecchi è come una casa senza tetto.

Ol dé del sant del sò nom.

Il giorno del suo onomastico.

Ol fà l’insègna a fa.

Il fare insegna a fare.

Ol mestér del Michelàs: maià, bif e ‘ndà a spas.

Un bel mestiere, mangiare, bere e fare il turista.

Ol prim amùr no se ‘l desmèntega mai.

Il primo anore non si scorda mai.

Ol Signùr a l’àbia ‘n gloria.

Dio gli dia pace.

Ol Signùr al lassa fa, ma mìa strefà.

Dio lascia fare, ma non strafare.

Ol vì bù l’fà bé.

Il vino buono fa bene.

Ol vì l’fà di la erità.

Il vino fa dire la verità.

Òm visàt l’è mès salvàt.

Uomo avvisato è mezzo salvato.

Òna bèla asta de òm.

Un uomo di bella statura.

Öna l’ha fà, e l’ótra l’la pènsa.

Una ne fa e una ne pensa.

Öna ólta che l’è öna ólta.

Una volta sola.

Öna ólta l’cór ol cà, öna ólta la légor.

Una volta corro io, una volta corri te.

Öna rasciata dè raisù, per öna s-cèta buna in töte le stagiù.

Ad una ragazza desiderata per un matrimonio in qualsiasi periodo dell’anno.

Öna rasciada de trefòi per öna s-cèta che me no la voi.

Una manciata di trifoglio per una ragazza che io non voglio.

 

 

P

 

Pà, vì e söche e se l’ völ fiocà, che l’ fiòche.

Pane, vino e zucche e se vuol nevicare che nevichi.

Paìs de no stàga gna pitüràt.

Paese da non abitarci.

Pansa pièna no pensa a chèla öda.

Chi ha la pancia piena non si cura di chi ha la pancia vuota.

Parlà francès cóme öna aca spagnöla.

Parlare francese come una vacca spagnola.

Parlà fransés o latì cóme öna aca spagnöla.

Parlare malamente una lingua.

Parola décia e sassada tracia nò i turna piö ‘ ndrè.

Parola detta e sasso tirato non possono tornare indietro.

Paròle che pèla zò la pèl del müs.

Parole che spellano la faccia, cattive.

Parole ingiuriose.

Pastisèr, fà ol tò mestèr.

Pasticcere, fai il tuo mestiere.

Pelà la póia sènsa fala usà.

Fare una cosa delicatamente.

Pènsa bé per no pecà, pènsa mal per no sbaglià.

Pensar bene per non peccare, pensar male per non sbagliare.

Polènta e öna spiga d’ai, ma la sò libertà.

Polenta con uno spicchio d’aglio, ma la propria libertà.

Pötost che tö ü vècc co’ la barba grisa, l’è mèi tö ü zùen senza camisa.

Piuttosto che sposare un vecchio con la barba grigia è meglio sposare un giovane senza camicia.

Prècc e fra, caàga ‘l capèl e lassai ‘ndà.

Davanti a preti e frati, cava il cappello e poi lasciali andare.

 

 

Q

 

Quando ‘l batès l’è facc, töcc i völ vès ghidàss.

Quando il bambino è ormai battezzato, tutti vogliono fare il padrino.

Quando ‘l piòf ol dé d’ Pasqua, töte i feste i sguassa.

Quando piove a Pasqua, piove tutte le domeniche.

Quando ol póm l’è marùt, a l’ cróda.

Quando la mela è matura, casca da se.

 

 

R

 

Ram dè albàra per öna s-cèta che la bala.

Per una ragazza volubile.

Ram dè biancospì per öna s-cèta d’amur fì.

Per una ragazza d’animo delicato un ramo di biancospino.

Ram dè onèss per öna s-cèta che la marséss.

Per una ragazza che faceva la difficile e che rischiava di restare zitella.

Ram dè pighéra per öna s-cèta ligéra.

Per una ragazza di poca volontà.

Ram dè rubìna per öna s-cèta che ruìna.

Per una ragazza seminatrice di pettegolezzi.

Ram dè serésa per öna s-cèta che va ‘n césa.

Per una ragazza devota un ramo di ciliegio.

Ròba esebìda, ròba avilìda.

Merce offerta, merce avvilita.

 

 

S

 

Schéss cóme öna sardèla.

Piatto come una sardina.

Scùa nöa scùa bé.

Scopa nuova scopa bene.

Se Bèrghem fös al pià, sarès piò bel de Milà.

Se Bergamo fosse in pianura, sarebbe più bella di Milano.

Se l’è mìa ü cà ‘l sarà öna cagna.

Se non è un cane, sarà una cagna.

Sech cóme ü bacalà.

Asciutto come il baccalà.

Serà fò ls stala quando l’è scapàt i bö.

Mettere il lucchetto dopo che hanno rubato.

Sgiùf cóme ü baghèt.

Gonfio come una cornamusa.

Sólcc e amicissia i rómp ol còl a la giöstissia.

Soldi e amicizie rompono il collo alla giustizia.

Sólcc e pecàcc i è mal giüdicà.

Soldi e peccati non si possono giudicare.

Sólcc fà sólcc e miséria fà miséria.

Soldi fanno soldi e miseria fa miseria.

Spènd la paròla di òter.

Spacciare la parola altrui.

Spetà chi no é.

Aspettare inutilmente.

Spórch cóme ü sunì.

Sporco come un maiale.

Stà ‘mpé ‘ntàt che te ènde.

Fai il bravo intanto che ti stò vendendo.

Sténch cóme ü pal.

Diritto come un palo.

Surd cóme öna talpa.

Sordo come una talpa.

Svèlt cóme ü folèt.

Svelto come un folletto.

Svèlt cóme ü gat de màrmor.

Svelto come un gatto di marmo. Pigro.

 

 

T

 

Tal paìs, tal üsansa.

Ogni paese la sua usanza.

Tance póch i fa ü tantì.

Tanti poco fanno qualcosa.

Teà i pagn adòss a ergü.

Dir male di qualcuno.

Töcc i dé n’ ne passa ü.

Tutti i giorni passa un giorno.

Trà sö ‘l fé in casina.

Portare il fieno in cascina.

 

 

U

 

A copà ü pöles de zenér a se n’ còpa ü sentenér.

Ad uccidere una pulce il mese di gennaio, se ne uccide un centinaio.

Ü piàt de buna céra la cósta negót.

Una buona cera non costa niente.

Ü sul al pöl mia rià d’ per töt.

Uno solo non può arrivare d’appertutto.

 

 

V

 

A copà ü pöles de zenér a se n’ còpa ü sentenér.

Ad uccidere una pulce il mese di gennaio, se ne uccide un centinaio.

Và a móls l’àsen col tenài.

Per dire a uno che sta raccontando balle.

Vì che l’à ciapàt ü tantì de fort.

Vino che ha preso un pò d’aceto.

Vì che l’va zó cóme ün öle.

Vino che scivola giù come l’olio.

Vì che salta ‘n del bicér, vì de bìv söbet.

Vino buono, vino da bere subito.

Vì slongàt zó co l’aqua.

Vino allungato con acqua.

 

 

Z

 

Zèt de confì, o lader o assassì.

Gente di confine, o ladri o assassini.

Zo ì e sö sit.

Giu vino aumenta la sete.