proverbi

PROVERBI

Testo: Mario Colombo


Da alcuni anni, come appassionato di storia locale mi 
sono dedicato ad un’attività di “riscoperta” e di 
presentazione di un mondo “quasi scomparso”, ma che, per fortuna mantiene ben saldo la sua validità e con il passare del tempo, tutti noi andiamo alla ricerca riscoprendo le nostre radici.

Partendo dalla storica raccolta di proverbi “Bergamaschi”, di Antonio Tiraboschi, che ha oltre un secolo di vita, abbiamo ritenuto interessante ed importante porre uno sguardo su queste perle di saggezza popolare e tradizione locale.
Tradizione molto spesso tramandata con i racconti dialettali e con i proverbi. In questi pochi proverbi elencati e’ possibile rintracciare quella disincantata visione della vita della gente bergamasca, la sua saggezza legata profondamente alla propria terra d’origine e alle proprie tradizioni: preziosa testimonianza di un mondo che oggi sta ormai scomparendo.

PRESENTAZIONE E GRAFIA: 

questa raccolta di proverbi (che abbraccia varie zone della nostra provincia), sono presentati, per quanto possibile nel dialetto medio, con la grafia in uso negli scritti dialettali bergamaschi.

VOCALI

: é ó si pronunciaano tendenzialmente chiuse (ol có, ol fé) 
è ò si pronunciano tendenzialmente aperte (mòl, mèi) 
ö ha un suono di eu francese (cör = cuore) ü ha un suono di u francese (scür = scuro).

CONSONANTI

: in dialetto le consonanti finali di parola si pronunciano tendenzialmente sorde, anche se si trovano scritte (per ragioni varie) con segno indicante consonante sonora. In particolare:
 d si sente come t (es. lü l’vèd = egli vede, si sente lülvet)
, v si sente come f (es. növ = nuovo, si sente nòf)
, g si sente come ch ( es. sang = sangue, si sente sanch)
, ch iniziale di parola o di sillaba, o finale ha suono di c sorda (es. tòch = pezzo, chèsto = questo)
, cc si usa in fine di parola per indicare il suono ci di ciao (es. dècc = denti)
, s (iniziale), -s -ss (finale) sono sempre aspre (es. sach = sacco; pass = passo)
, s intervocalica è sonora (es. rösa = rosa)
, ss intervocalica non insica raddoppio, ma s aspra (es. piassa = piazza)
, z (quando si trova) indica suono del tutto simile a s sonora (quanto meno per grande parte del bergamasco) (es. l’è zamò ‘ndacc = è già andato)
, s-c si usa per indicare suono separato della s e della c (es. s-ciafa = schiaffo)

.

ACCENTO DI PAROLE

: si mette un unico accento grafico sulle parole e precisamente sulla vocale tonica.
 Se la tonica è una e oppure una o bisogna sempre mettere accento, anche se si tratta di parola con una sola sillaba. Infatti è diverso dire fò (= fuori) e fó ( = faccio).
 Quando non appare alcun accento la parola s’intende con accento sulla penultima sillaba. Se non appare alcun accento, ma una vocale reca segni particolari, s’intende che l’accento cade – in via ordinaria – su tale vocale.
 Esempio: i crape (=le teste) – l’accento va sulla a, 
ergü ( = qualcuno) – l’accento va sulla ü, 
fassöl ( = fazzoletto) l’accento va sulla ö
, mé möre ( = io muoio)  l’accento va sulla ö.

DIVISIONE DI PAROLE E VARIE

: si tende a scrivere separatamente ogni parola avente significato unitario proprio.
 Esempio: si sente lülgà (= egli ha ), ma si trova scritto lü l’gh’à, che corrisponde a “lui egli ci ha”, ossia oltre il doppio pronome c’è la particella ghe / ga, che non appare poi nelle forme composte del verbo, per cui si dice l’à durmìt ( = ha dormito) e il ghe / ga non c’è più.

 Si tende a mantenere ogni parola nella sua forma ordinaria, anche se, trovandosi inserita in contesti unitari per significato e quindi anche per pronuncia, può subire alterzioni nella parlata. Esempio: töt ( = tutto) al plurale fa töcc ( = tutti); ma in töcc du (= tutti e due) la cc diventa semivocale e si sente töidù.

 L’articolo singolare maschile è ol; ma davanti a nome che inizia con s + consonante si assimila e la l diventa un’altra s. Esempio: ol s-ciòp ( = il fucile) si sente ossciòp, per cui si troverà per lo più scritto o ‘s-ciòp.

 La proposizione articolata “della “ in dialetto è de la. Esempio: i scarpine de la pöa ( = le scarpette della bambola); ma nella parlata la e tende a scomparire e perciò la locuzione diventa i scarpine d’la pöa ( e si sente quasi una doppia ll: i-scarpine-lla-pöa).

 

PROVERBI BERGAMASCHI

 

Proèrbe del mis de Zenét – Proverbi del mese di Gennaio

 

A copà ü pöles de zenér a se n’ còpa ü sentenér.

Ad uccidere una pulce il mese di gennaio, se ne uccide un centinaio.

A Dosséna per la mascherada de carneàl, no l’ manca gne ‘l Föria, gne ‘l Diàol.

A Dosena per la mascherata di carnevale, non manca né l’asino né il diavolo.

A metà zenér, metà pa e metà fé.

 A metà gennaio, metà di pane e metà di fieno.

A Pasquèta, ün’urèta.

All’Epifania, un’ora piccola.

A Sant’Agnés cór la löserta fò per la sés.

A Sant’Agnese corre la lucertola per la siepe.

A sant’Antóne un’ ura gròssa.

A sant’Antonio un’ora abbondante.

Arda come i va i dé dal du al dùdes de Zenér.

Osserva come è il tempo dal due al dodici gennaio.

Àrdet de la primaéra de zenér.

Guardati dalla (falsa) primavera di gennaio.

Chi de Bèrghem i slónga ‘l carneàl fina ai pórte de Milà.

Quelli di Bergamo allungano il carnevale fino alle porte di Milano.

Chi öl ü bel aér, i la piante de zenér.

Chi vuole un agliaio redditizio, lo pianti in gennaio.

L’öltem dé carneàl töcc i cópa ‘l animàl; siel gròss o pissinì s’fa salàm e codeghì.

L’ultimo giorno di carnevale tutti ammazzano l’animale (il maiale); sia grosso o piccolo si fanno salami e cotechini.

Ol dé d’san Pàol convèrs a l’ne fa de töcc i èrs.

Nel giorno della conversione di S.Paolo il tempo ne combina di tutti i colori.

Ol trentü de zenér a s’cassa vià ‘l zenerù.

Il trentuno gennaio si scaccia il gennaio.

San Bastià, la viöla ‘n mà.

San Sebastiano la viola in mano.

San Maüro (15), san Marcèl (16), sant’Antóne del porsèl, i è tri mercàncc de niv e de frècc.

San Mauro, san Marcello, sant’Antonio del maialino, sono tre mercanti di neve e di freddo.

Sant’Antóne l’è ü mercànt de niv.

Sant’Antonio è un mercante di neve.

Se ‘l zenér no l’ zenerèsa, ol fevrér fa öna gran scorèsa.

Se gennaio non segue il suo corso normale di freddo, febbraio sarà fastidioso come un peto.

Se te ölet bé a tò moér, làssela mia ‘ndà al sul de zenér.

Se vuoi bene a tua moglie, non lasciarla esposta al sole di gennaio.

Se te ö cambià moér,  mètela al sul de zenér.

Se vuoi cambiare moglie, mettila al sole di gennaio.

Zenér l’è ‘l mis di gacc.

Gennaio è il mese dei gatti.

Zenér a l’ fa i pucc, fevrér i a dèsfa.

Gennaio fa i ponti, febbraio li distrugge.

 

Proèrbe del mis de Fevrér – Proverbi del mese di Febbraio

 

A la Madóna Candelòra, se l’ piöv o së l’ fiòca, del l’invèren a m’ sè fòra; ma se l‘ fa sul e l’ tira vènt,  per quaranta dé m’ turna dèt.

Alla festa di purificazione della Madonna, se piove o se nevica, si esce dall’inverno; ma si ritorna nel pieno dell’inverno se fa sole o tira vento.

A la Madóna Candelòra, se l’ piöv o së l’ fiòca, la cavra la bròca; se l’è seré o se l’ tira vènt per quaranta dé la turna dèt.

Se piove o nevica alla purificazione della Madonna, la capra incomincia a brucare; ma se è sereno o spira vento, per quaranta giorni rientra dentro (nella stalla).

A San Faüstì ol sul a l’bat sö ògne dosselì.

A San Faustino il sole batte su ogni poggio.

A san Matìa, la niv la à via.

A san Mattia, la neve si scoglie.

A san Valentì, la primaéra l’è visì.

A san Valentino la primavera sta per arrivare.

A san Valentì, l’ fioréss o’ spì.

A san Valentino fiorisce il rovo.

A san Valentì, töcc i osèi i fa ‘l nì.

A san Valentino, tutti gli uccelletti preparano il nido.

Fevrèr cört e maledèt: metà dóls e metà amarèt.

Febbraio corto ma maledetto: metà dolce e metà amaretto.

Fevrér l’è fiöl d’öna ferlòca: o che l’piöf o che l’fiòca.

Febbraio è figlio di una pazza: o piove o nevica.

Fevrér l’è ‘l mìs ch’i parla piö póch i fómne.

Febbraio è il mese in cui parlano meno le donne.

La nif de fevrér, la ‘ngrassa ‘l granér.

La neve di febbraio riempie il granaio.

Nif de fevrér, formét a stér.

Neve di febbraio, frumento a staia (in abbondanza).

Öna sigóla de fevrér, la ne àl ü pér.

Una cipolla di febbraio, ne vale un paio.

San Biàs a l’ te presèrve la góla da i rèsche de pèss e da töt ol rèst.

San Biagio ti preservi la gola dalle lische di pesce e da tutti gli altri malanni.

Santa Polònia co ‘n d’ü “gloria” i décc la te conserverà fina al mónd de là.

Santa Apollonia con un “gloria” ti conserverà i denti fino al mondo di là.

Se a la Madóna Candelòra gh’e seré, ol pastùr a l’cómpra ‘l fé; se gh’è nìol a l’ cómpra ‘l sìfol.

Se alla purificazione della Madonna è sereno, il pastore compera fie (perché il bestaiame dovrà stare ancora nella stalla), se è nuvolo, compera lo zufolo (perché presto potrà condurre il bestiame al pascolo).

 

 

 

Proèrbe del mis de Mars – Proverbi del mese di Marzo

A san Benedèt, i róndene sóta ‘l tècc.

A san Benedetto le rondini (arrivano) sotto il tetto.

A san Gregòre papa, ü car de fé per aca.

A san Gregorio papa, un carro di fieno per mucca.

A san Giósep falegnàm, niv e pagn.

A san Giuseppe falegname, neve e panni.

l prim trù de mars, a i vé fò töte i lömaghe.

Al primo tuono di marzo escono tutte le lumache.

Chi gira ‘ntùren a San Patrésse, a l’guaréss de töcc i mai e de töcc i ésse.

Chi gira attorno (al santuario) di san Patrizio, guarisce di ogni male e di ogni vizio.

In mars, füs iscàrs; in avrìl, gna ü fìl.

A marzo il fuso è scarso; in aprile non se ne tesse neanche un filo.

In prensepe a la quaresima la màchina di mórc la ula al vólt.

Prima dell’inizio della quaresima la “macchina” dei morti, vola in alto. (Triduo dei morti di Bossico – si espone la macchina in legno di fattura Fantoniana).

Mars acquùs, l’è bu apéna per i spus.

Marzo acquoso porta bene solo agli sposi.

Mars marsòt, l’è stèss ol dé e la nòcc.

Marzo, il giorno è uguale alla notte.

Mars no l’è bèl se non l’ gh’à niv sö ‘l capèl.

Marzo non è bello se non ha neve sul cappello.

Mars polverét, póca paia e tant formét.

Marzo polveroso, poca paglia e frumento in abbondanza.

Mars söcc, pa per töcc.

Marzo asciuttio, pane per tutti.

Mars söcc, avrìl bagnàt, beàt ol paisà che l’à somnàt.

Marzo asciutto, aprile bagnato, fortunato il contadino che ha seminato.

Niv marzölina, la düra da la sira a la matina.

La neve di marzo dura dalla sera al mattino.

Ol gioedé de mèsa Quarisma, töcc a rasgà la ègia ‘n piassa Püntida.

Il giovedi di mezza quaresima, tutti corrono a veder bruciare la vecchia in piazza Pontida.

Ol mercoledé di sènder e i venerdé de mars a i desüna a’ i osèi in del prat.

Il mercoledi delle ceneri e i venerdi di marzo, digiunano pure gli uccelli nel prato.

Ol trentü co i bernàs, a s’dèsda l’èrba e s’cassa ‘l mars.

Il trentuno con le palette del fuoco, si sveglia l’erba e si scaccia marzo.

Quando la Quarisma la tóca tri mis, gh’è ròba a sö per i sése.

Quando la Quartesima si distribuisce su tre mesi ci sono frutti anche sulle siepi.

Quando l’ fioréss ol cornàl, ol füs no l’ dà piö guadàgn.

Quando fiorisce il corniolo, il fuso non porta più guadagno.

San Casmìr, ol vènt no l’ dà respìr.

A san Casimiro, il vento non da respiro. (ossia soffia in continuazione).

San Giösepì, ol bastù l’ fa fiurì.

San Giuseppino fa fiorire il bastone.

Se a la Madona de mars a l’vé la brina, dòpo no la fa piö rüina.

Se alla madonna di marzo (Annunciazione) scende la brina, dopo tale data non arreca più danno.

Se mars a l’gh’à sich gioedé, ghe sarà lì a’ sö per i lòbie.

Se marzo a cinque giovedi ci sarà lino anche sulle logge.

Tra ‘l spus e la spusa, a s’sómna la linusa.

Tra lo sposo e la sposa si semina il seme di lino.

 

Proèrbe del mis de Avrìl – Proverbi del mese di Aprile

 

A la Domenica de Passiù, no s’ vèd piö gne Sancc, gne Madóne, gne Signor.

Alla domenica di Passione, non si vedono più nè Santi nè Madonne, nè il Signore.

A la Setimana Santa töcc i ghe té a la buna üsansa.

Durante la settimana santa tutti osservano la buona tradizione.

A san Marc i caalér i va ‘n processiù.

A san marco i bachi da seta vanno in processione.

A san Marc ol caalér a l’ nass.

A san Marco il baco da seta nasce.

Avrìl a l’ ghe n’à trenta, se l’ piöèss trentü a l’ farèss mal a nissü.

Aprile ha trenta giorni, se piovesse trentuno non arrecherebbe danno a nessuno.

Avrìl al’ góta ‘l barìl.

Aprile gocciola il barile.

Avrìl avrilèt, ü dé cóld ü dé frècc.

Aprile apriletto, un giorno caldo un giorno freddo.

Chi öl öna buna caalerada per san Marc la séa nada.

Se si vuole una buona riuscita dei bachi da seta, questi per san Marco devono già esere nati.

De avrìl a l’ böta i piante a’ sensa ulìl.

D’aprile germogliano le piante spontaneamente.

In avrìl öna buna aquada la val piö d’öna ‘ngrassada.

In aprile un buon acquazzone vale più d’una concimatura.

In avrìl töcc i àsegn i cambia ‘l pil.

In aprile tutti gli asini cambiano il pelo.

‘L’invernèl de san Zórs, prima o dopo l’ fa ‘l so córs.

L’invernello di San Giorgio prima o dopo fa il suo corso.

La rosada d’avrìl, la ‘mpienéss ol barìl.

La rugiada d’aprile riempie la botte.

L’ülìa no la lasse ‘n sagrestéa ma la pórte a la ca méa.

L’olivo non lo lascio in sacrestia ma lo porto a casa mia.

Ol cöch a l’ dis: a l’ sèt de avrìl no ègne, al dessèt se pöde, al vintesèt sensa fal.

Il cucolo dice: al sette di aprile non vengo, al diciassette se posso, al ventisette senza fallo.

Ol dè che l’ mör ol nòst Signùr, i bu cristià i fa disü.

Il giorno che muore nostro Signore, i buoni cristiani osservano lo stretto digiuno.

Ol gioedé sant a s’ liga i campane e s’ benedéss i öle sancc.

Il giovedi santo si legano le campane e si benediscono gli oli santi.

Ol prim de avrìl, a l’ fa cór i àsegn sènsa saìl.

Il primo di aprile fa correre gli asini senza che se n’accorgano.

Ol venerdè sant ol vi a l’ va ‘n tat sang.

Il venerdi santo il vino si tramuta in altrettanto sangue.

Ol venerdé sant l’è ‘l dé che s’ pöl fà chèl che s’ völ.

Il venerdi santo è il giorno in cui si può fare tutto quello che si vuole.

Poerèta chèla pégra che ai gutù de avrìl l’è sensa pil.

Poveretta quella pecora che ai goccioloni di aprile è senza pelo.

Primaéra tardida, l’è mai falida.

Primavera in ritardo non arreca mai danno.

Se ‘l cöch no l’ canta ‘l vinte de avrìl, o l’è mórt o l’è ferìt.

Se il cucolo non canta per il venti di aprile, o è morto o è ferito.

Se l’ truna prima de san Marc, ‘l invèren a l’ se slonga d’ü bèl tracc.

Se tuona prima di san Marco, l’inverno si allunga di un bel po’.

Sö l’ülìa o sö ‘l öv,  a l’ piöv.

Sull’olivo (domenica delle palme) o sull’uovo (Pasqua) piove.

Sul, aqua o niv… la düminica de Passiù, chi de Léf  i porta la Madunina, ‘n processiù.

(Che ci sia) sole, acqua o neve.. la domenica di Passione quelli di Leffe portano la (loro) Madonna in processione.

Zorzèt, Marchèt, Crusèt: trì mercancc de frècc.

San Giorgio(23), san Marco(25), santa Croce(3 maggio): sono mercanti di freddo.

 

Pasqua

A l’ vègne Pasqua quando la gh’ n’ à òia: la è sèmper co l’èrba e la fòia

Venga pure Pasqua quando le aggrada, tanto vien sempre con l’erba e la foglia

La segónda de Pasqua töcc a mangià ciape de öv in campagna.

La seconda di Pasqua tutti a mangiare uova sode in campagna.

Nedàl al zöch, Pasqua al föch.

Natale al gioco, Pasqua al fuoco.

Pasqua ólta o bassa, semper fòia e frasca.

Pasqua alta o bassa, vi è sempre foglia e ramo fronzuto.

Quando ‘l piöv ol de dé Pasqua, töte i feste i sguassa.

Quando piove il giorno di Pasqua, tutte le feste (hanno) un acquazzone.

 

 

Proèrbe del mis de Mas – Proverbi del mese di Maggio  

 

 A san Bernardì, a l’ fioréss ol lì.

A san Bernardino il lino è in fioritura.

A ‘nda tri dé ‘n Rogassiù: formèt, melgòt, öa a muntù.

A seguire la processione per i tre giorni delle rogazioni, si ottiene in gran quantità frumento, granoturco, uva.

A san Pancràs, a l’ böta i fioràs.

A san Pancrazio si aprono i fiori (del lino).

Chi fa la murusa d’ l’Asènsa, dopo quaranta dè l’è sènsa.

Chi fa la fidanzata all’Ascenzione, rimane senza dopo quaranta giorni.

De mas a stàga dré ai caalér e al fé, la zèt l’è mai assé.

A maggio, per la fienagione e la bachicoltura, i lavoranti non sono mai sufficienti.

Fina ai quaranta de mas, no laga zó i tò strass.

Fino ai quaranta di maggio non toglierti i tuoi indumenti.

La tempèsta de mas, la rüina ‘l granàs.

La grandine di maggio rovina le granaglie.

Mas söcc, pa per töcc; mas ortolà, tanta pàia e póch grà.

Maggio asciutto, pane per tutti; maggio ortolano (piovoso), tanta paglia e poco grano.

Òia o no òia, ol mis de mas böta la fòia.

Si voglia o no, nel mese di maggio spuntano le foglie.

Ol mis de mas no i döeréss pissà gna i cà.

Il mese di maggio nemmeno i cani dovrebbero pisciare.

Ol mìs de mas, l’è ‘l mis di àsegn.

Il mese di maggio è il mese degli asini.

Quando l’ piöv ol mis de mas, a l’ porta vià ‘l formét e l’resta lè ‘l granàs.

Quando piove il mese di maggio, porta via il frumento e lascia solo lo scarto.

San Felèp a l’ disìa a i fómne de Roma: “aqua ‘n bóca”.

San Filippo raccomandava alle donne di Roma: “acqua in bocca”.

Se l’ piöv ol dé  de Santa Crus, marse i castègne e büse i nus.

Se piove il giorno di Santa Croce, (saranno) marce le castagne e    avariate le noci.

Se l’ piöv per san Vitùr, la à mal a la aca a al pastùr.

Se piove il giorno di san Vittore, va male per la mucca e per il pastore.

Se ‘l piöv de l’Ascensiù, sö tri grè l’ ne cala du; se l’ fa sul o tira ènt, i tri gré i deènta sènt.

Se piove il giorno della Ascenzione di tre grani ne calano due; se fa sole o soffia il vento, i tre grani diventano cento.

Se l’ piöv de l’ Ascensiù töcc i fröcc i pèrd la sò stagiù.

Se piove il giorno dell’Ascenzione tutti i frutti spostano il tempo della maturazione.

Se l’piöv d’ l’Asènsa, s’ fa la endèmia co la brènta.

Se piove all’Ascenzione si vendemia con la brenta.

Se l’piöv ol dè d’ l’ Asènza per quaranta dè m’ sé piö sènsa.

Se piove il giorno dell’Ascensione, piove per altri quaranta giorni.

Se la castègna la fioréss a mas, a utuèr vaga sóta co ‘l sach; se la fiorés a zögn, vaga sóta co ‘l pögn.

Se la castagna fiorisce a maggio, a ottobre ti occorrerà il sacco (per la raccolta); se fiorisce a giugno basterà il pugno d’una mano.

Tempestada de mas, stagiù rüinada.

Grandinata di maggio, stagione rovinata.

 

Proèrbe del mis de Zögn  – Proverbi del mese di Giugno

 

A san Barnaba, ol prat a s’ taia.

A san Barnaba il prato si taglia.

A santa Margheréta ol lì l’ te spèta.

A santa Margherita il lino è quasi maturo.

Chi no sgòba d’estàt, d’invèren a l’ se cicia i ónge.

Chi non lavora d’estate, d’inverno sugge le unghie.

Chi dis mal del estàt, dis mal de sò màder.

Chi parla male dell’estate, parla male di sua madre.

D’estàt i dòne i fa ‘ndà la bóca a cantà e i brass a gramolà.

D’estate le donne muovono la bocca a cantare e le bracca a frantoiare.

De san Péder, a l’ sa scònd ol poléder.

A san Pietro si nasconde il puledro (granoturco alto).

De zögn, la ranza ‘n pögn.

A giugno la falce in pugno.

L’aqua de zögn la rüina ‘l mölinér.

L’acqua di giugno rovina il mugnaio.

La rosada de san Gioàn, la té lontà ‘l bestiàm d’ògne malàn.

La rugiada di san Giovanni, preserva il bestiame da ogni malanno.

La söcia inàcc de san Gioàn l’è sègn d’ü gran bu an.

La siccità prima di san Giovanni, denota un’annata assai favorevole.

La vigilia de san Gioàn, a l’ piöv töcc i  agn.

La vigilia di san Giovanni piove tutti gli anni.

L’ombréa del estàt la fa ègn i dulùr d’invéren.

 L’ombra dell’estate (umido) causa i dolori dell’inverno.

Ol lì l’è chèl di sento laurà.

Il lino è quello che richiede cento operazioni.

Ol Spirito Sant a l’ pöl rià da ‘l dés de mas al trédes de zögn.

La pentecoste può cadere dal dieci maggio al tredici giugno.

Per la processiù del Corpus Domini, cà e senter de paìs i è palàss e strade de Paradis.

Per la processione del Corpus Domini, case e sentieri di paese diventano palazzi e strade di Paradiso.

Per viga lì bu, gh’è öl mal de brass e de filù.

Per ottenere lino pregiato, bisogna avere dolore alle braccia e alla spina dorsale.

Sant’Antone de zögn, serése a pögn.

Sant’Antonio di giugno, ciliegie a bizzeffe

San Lüigi de zögn, se l’ fa quando s’pöl.

La celebrazione di San Luigi di giugno, si fa quando si può.

Se l’ piöv ol dé de san Barnaba, a l’ va töta l’öa bianca; se l’ piöv da matina a sira, la à a mal l’öa bianca e l’öa nigra.

Se piove a S. Barnaba, marcisce l’uva bianca; se piove da mattino a sera, marcisce l’uva bianca e l’uva nera.

Se l’ piöv a san Barnaba, strèpa ‘l fasöl e pórtel a cà.

Se piove a san Barnaba, strappa pure il fagiuolo e portalo a casa.

Se ‘l piöv a san Gervàs, per öna setimana o’ scarpulì a l’gh’à i pé bagnàcc.

Se piove il giorno di san Gervasio, per una settimana anche il ciabattino ha i piedi bagnati.

 

Proèrbe del mis de Löi  – Proverbi del mese di Luglio   

 

A Lóer püdì dìn tate e quante ma no tocàga i Sante

A Lovere potete dire tutto quel che volete, ma non toccate loro le Sante.

A löi la tèra la bói.

A luglio la terra bolle.

A san Filàster, piö gna mèi gna polàster.

A san Filastro non più miglio e non più pollastri.

A san Pantaliù, aqua a montü.

A san Pantaleone, acqua a secchi.

Chi nas de löi, no paga comàr.

Chi nasce di Lugliio, non paga l’ostetrica.

Col sul in liù la erdüra se la lasa ‘n d’ü cantù.

Nel tempo del solleone l’orto viene trascurato.

De sant’ Ana cór l’aqua per la grondàia.

A sant’Anna scorre l’acqua dalla grondaia.

L’aqua de sant’ Ana, l’è öna mana.

L’acqua a sant’Anna è una vera manna.

Ol bèl tép e la bèla zét i stöfa mai.

Il bel tempo e la bella gente non stancano mai.

Per Santa Maddalena la nus l’è piena; o piena o de ‘mpienì, la nus i scecc i la ol dervi.

Per il giorno di S. Maddalena la noce è piena; o matura o non ancora maturata, i ragazzi la vogliono aprire.

Quando ‘l sul l’è ‘n lèu, a s’ biv ol vi co ‘l pestù.

Quando il sole è nel solleone, si beve il vino con il fiasco.

Se a löi la te à bé, la maschèrpa la paga ‘l fé.

Se a luglio ti va bene, la sola ricotta paga il fieno.

Vi bianc e capù, de löi no i è piò bu.

Vino bianco e capponi a luglio non sono buoni.

 

Proèrbe del mis de Agost – Proverbi del mese di Agosto     

A san Bartolomé i montagne s’i arda ‘ndré.

A san Bartolomeo le montagne si vedono voltandosi indietro.

A san Bartolomé montagna bèla te lasse ‘ndré.

A san Bartolomeo montagna mia bella ti abbandono.

A san Lorèns l’öa la pènd.

A san Lorenzo l’uva già pende dai tralci.

A san Ròch, la nus la cróda dal bròch.

A san Rocco, la noce cade dal ramo.

Agóst, campane no s’ conòss.

Di agosto, le campane non si ascoltano.

Chi dórma de óst, dórma a sò cóst.

Chi poltrisce d’agosto, poltrisce a suo danno.

De agóst a l’ se fa l’öa, de setèmber l’è marüda.

Nel mese di agosto l’uva si forma, a settembre è matura.

De De agóst a s’ merènda ‘n del bósch.

Nel mese di agosto si merenda nel bosco.

De san Ròch, la castègna s’ la conòss lontà ü tir de s-ciòp.

A san Rocco la castagna si riconosce lontano un tiro di schioppo.

La prima aqua de agóst la rinfresca ‘l bósch.

La prina acqua di Agosto rinfresca il bosco.

L’öa de agóst, la fa bu móst.

L’uva di agosto fa un buon mosto.

Ol dè del Perdù s’ lassa la sapa ‘n dü cantù.

Il giorno del Perdono d’Assisi si lascia la zappa in disparte.

Passàt agóst, engörie e melù no i è piö bu.

Passato agosto, cocomeri e meloni non sono più buoni.

Quando l’ piöv d’agóst, piöv mél e móst.

Quando piove d’agosto, piove miele e mosto.

San Fìrem, san Röstech, san Pròcol, tat a Bèrghen che a Veruna i fa ‘l miràcol.

San Fermo, san Rustico, san Procolo, tanto a Bergamo come a Verona fanno il miracolo.

San Lisàndèr daquaröl o che l’ piöv o che l’ sa döl.

Sant’Alessandro acquaiolo o piove o si duole (perchè vuol piovere).

San Lorèns de la gran caldüra, tarde l’ria e póch a l’ düra.

San Lorenzo, della grande calura, tardi arriva e poco dura.

Se ‘l piöv a san Lorèns, l’è amò a tép, se ‘l piöv a la Assunta, l’è amò buna, se ‘l piöv a san Ròch, l’à spetàt tròp, se ‘l piöv a san Bartolomè, a s’laa i pé.

Se piove a San Lorenzo, è ancora in tempo per piovere, se piove all’Assunta è ancora utile, se piove a S.Rocco ha aspettato troppo, se piove a san Bartolomeo serve solo per lavare i piedi.

 

Proèrbe del mis de Setèmber – Proverbi del mese di Settembre

 

Se l’ piöv a san Gorgòne, töt utùer l’è ü demone.

Se piove a san Gorgonio, tutto ottobre è un demonio (brutto tempo).

Quando l’ piöv ol dé de san Gorgòne, a l’ piöv per töt ‘l ötörno.

Quando piove il giorno di san Gorgonio, piove per tutto l’autunno.

A san Maté, aqua denàcc o de dré.

A san Matteo acqua o prima o dopo.

A san Maté, la castègna la à o la é.

A san Matteo la castagna o si forma o va a male.

A san Maté, ol durd l’è lé.

A san Matteo, il tordo è li che attende.

A san Maté, ol cassadür l’è prèst in pé.

A san Matteo, il cacciatore è mattiniero.

A san Michél, castégne a trè a trè.

A san Michele, castagne a tre a tre.

A san Michél, castégne sóta i pé.

A san Michele, castagne persino sotto i piedi.

A san Michèl, la merènda la cróda zó del cél.

A san Michele, la merenda cade dal cielo.

Braghe de tila e melù, de setèmber no i è piö bu.

Calzoni di tela e meloni a settembre non valgono niente.

I michì de san Nicóla a pöcc e a pöte i ghe fa góla.

I panini di san Nicola fanno gola a ragazzi e ragazze.

La lüna setembrina, sèt lüne la ‘ndüina.

La luna di settembre, indovina altre sette lunazioni.

Ol vènt de setèmber a l’ mangia la castègna e l’ biv ol vi.

Il vento di settembre mangia la castagna e beve il vino.

San Michél a l’ pórta ol candelér, San Giósep a l’ la ripórta ‘ndre.

San Michele porta il candeliere (dal cielo) san Giuseppe lo riporta indietro.

Se san Michél arcàngel a l’ se bagna i ale, a l’ piöv  ‘nfina a Nedàl.

Se san Michele arcangelo si bagna le ali, piove fino a Natale.

Setèmber cula piòmb.

Settembre scioglie il piombo.

 

Proèrbe del mis de Utùer – Proverbi del mese di Ottobre

 

A san Brünù, durcc a muntù.

A san Bruno tordi in grande quantità.

A san Fransèsch, i è i osèi a ‘ndà de mès.

A san Francesco sono gli uccelli a rimetterci.

A san Fransèsch sómna ‘l formét se te ö troàs contét.

A san Francesco semina il frumento, se vuoi essere contento.

A san Simù, la ventaia ‘n d’ü cantù.

A san Simone, si mette in disparte il ventaglio.

A santa Terésa, lódole a distésa.

A santa Teresa, allodole in quantità.

A utuèr: rae, castègne e fóns, melgòt, durcc e móst.

A ottobre: rape, castagne e funghi, granoturco, tordi e mosto.

Chi no sómna per san Löca, de la rabia l’ sa spelöca.

Chi non semina per san Luca, si strappa poi i capelli per la rabbia.

De la Madóna del Rosare, castègne e zét per i strade.

Per la Madonna del rosario, castagne e gente per le strade.

De san Simù e Giüda la raa l’è marüda; marüda o de marüda la raa l’è de strepà.

A san Simone e Giuda la rapa è matura; matura o no la rapa è da strappare.

Per san Gal, sómna sènsa fal.

Per san Gallo, semina senza alcun fallo.

Quando a utùer a l’ piöv e l’ truna, l’invernada la sarà buna.

Quando ad ottobre piove e tuona, l’invernata sarà buona.

Se l’ fa bèl tép ol dé de san Gal, a l’ fa bèl tép fina a Nedàl.

Se fa bel tempo il giorno di san Gallo, fa bel tempo fino a Natale.

Söcc o bagnàt, per san Löca töt somnàt.

O asciutto o bagnato, per san Luca tutto deve essere seminato.

 

Proèrbe del mis de Noèmber – Proverbi del mese di Novembre

 

A noèmber a fa zó mèlga e copà porsèi, ‘nfina a chi bröcc i deènta bèi.

A novembre a sgranare granoturco e ammazzare maiali, pure quelli brutti diventano belli.

A sant’Andréa de la barba bianca, i è rar i agn che la manca.

A sant’Andrea della barba bianca, sono rari gli anni in cui manca (la neve).

A santa Caterina, la aca a la cassina.

A santa Caterina la mucca deve trovarsi alla cascina.

A santa Caterina, o niv o frècc o brina.

A santa Caterina, o neve o freddo o brina.

A santa Caterina, ol sul l’ salüda e l’ camina.

A santa Caterina, il sole saluta e scompare.

A san Martì, l’ se spusa i poarì.

A san Martino si sposano i poveri.  (Il periodo più indicato per il matrimonio era san Martino perché erano terminati i lavori dell’annata agricola e la gente disponeva di un po’ di denaro).

A san Martì, ol móst l’è deentàt vì.

A san Martino il mosto è diventato vino.

A san Martì, stòpa ‘l tò ì; a Nedàl, comènsa a tastàl.

A san Martino tappa bene nella botte il tuo vino; a Natale incomincia ad assaggiarlo.

Ai mórcc e ai sancc, i va ‘n césa po’ i brigàncc.

Per la ricorrenza dei morti e dei santi, vanno in chiesa anche i briganti.

Al mercàt de töcc i sancc, s’ paga i dèbecc de töt ol an.

Al mercato di tutti i santi si pagano i debiti di tutto l’anno.

Al tridüo di mórcc, tich, tuch, tach… la ragia l’è söbet ‘impissàda.

Al triduo dei morti, in un lampo la raggera è accesa (Gandino)..

Chi che stóngia a san Martì, a i guadagna pa e ì.

Chi pota a san Martino, guadagna pane e vino.

Dopo san Martì, l’erba l’è del bezì.

Dopo san Martino, l’erba è dell’agnellino.

La stagiunina de san Martì, la düra trì dé e ü falì.

L’estate di S. Martino dura tre giorni e un pochino.

Niv novembrina, màder e madrégna.

Neve di novembre, madre e matrigna.

Per la fèsta de töcc i sancc, s’ tira fò mantèi e guànc.

Per la festa d’Ognissanti si mettono in uso manteli e guanti.

San Martì l’ ghe n’ dà ai sciòr, e l’ ghe n’ tö ai poarì.

San Martino dà ai ricchi e toglie ai poverelli.

San Martì, l’è chèl di regalì.

San Martino e quello dei regali (Leffe).

Santa Caterina, la pórta la scaldina.

Santa Caterina porta lo scaldino.

Se a sant’Andréa no la egnerà, a sant’Ambrös no la falerà.

Se la neve non arriva a Sant’Andrea, non mancherà a sant’Ambrogio (8 dic).

Se i mórcc i vé co i pé söcc, i va co i pé bagnàcc; s’i vé co i pé bagnàcc i va co i pé söcc.

Se i morti vengono con  i piedi asciutti, vanno con i piedi bagnati (con la pioggia); se vengono con i piedi bagnati, se ne vanno con i piedi asciutti.

Se la nòcc de santa Illüminada, ol cél l’è töt seré, ‘l invèren a l’ sarà bröt assé; se la nòcc de santa Illüminada ol cél l’è tö iscür, l’invèren a l’ sarà mia dür.

Se la notte di santa Illuminata il cielo è tutto sereno, l’inverno sarà molto brutto; se la notte di santa Illiminata il cielo è tutto coperto, l’inverno sarà mite.

 

Proèrbe del mis de Desèmber – Proverbi del mese di Dicembre

 

A Nedàl ol sòch a l’ brüsa töta nöcc.

A Natale il ceppo brucia tutta notte.

A Nedàl ü pas de gal.

A Natale un passo di gallo (più luce).

A san Tomàs ol dé l’ se slónda da la bóca al nas.

A san Tommaso il giorno si allunga quanto dista il naso dalla bocca.

A sant’ Ambrös, ol frècc l’ ispiör.

A sant’Ambrogio, il freddo pizzica.

A santa Lösséa l’ vé la spéa, e a Nedàl la é sensa fal.

A santa Lucia c’è il segnale della neve, a Natale arriva sicuramente.

Chèl che ripara del frècc, a l’ ripara a’ del cóld.

Quello che ripara dal freddo, ripara anche dal caldo.

Chi fabrica d’inverno, fabrica in eterno.

Chi fabbrica d’inverno, costruisce in modo duraturo.

Chi no disüna la igilia di Nedàl, no i conòss gne bé gne mal.

Chi non digiuna la vigilia di Natale, conosce né il bene né il male.

Chi prima d’ Nedàl no fila, dopo Nedàl söspira.

Chi prima di Natale non fila, dopo Natale sospira.

De Nedàl l’ se slónga ol dé, ol frècc, la fam.

A Natale si allunga il giorno, il freddo, la fame.

Fina a’ i laùr piö bèi, i düra da Nedàl a sant’Istéen.

Anche le cose più belle durano quanto da Natale a santo Stefano (cioè poco).

L’öltema niv la lassa mai giàs.

L’ultima neve non lascia mai il ghiacio.

Nedàl rabiùs, carneàl ariùs.

Natale rabbioso, carnevale ventoso.

Niv desembrina per trì mis la se confina.

Neve di Dicembre rimane per tre mesi

Ol lüf no l’ maia nissü invèren.

Il lupo non mangia nessun inverno.

Ol presepe ‘n cà a Nedàl, per i s-cècc l’è ü bèl regàl.

Il presepio allestito in casa a Natale, per i bambini è un bel regalo.

Ol zöèrnech a Nedàl a l’ pórta bé sensa fal.

Il ginepro a Natale porta certamente bene.

Pa, ì e söche, e se l’ völ fiocà che l’ fiòche.

Pane, vino e zucche; e se vuol nevicare, nevichi pure.

Prima de Nedàl a s’mangia töcc istèss, dopo Nedàl i mangia chi ghe n’à.

Prima di Natale tutti hanno da mangiare, dopo Natale mangia chi ne ha.

Quando l’ canta ‘l merlo, l’ è finìt l’inverno.

Quando canta il merlo è finito l’inverno.

Quando l’ dè l’ se slónga, ol frècc a l’ bónda.

Quando il giorno comincia ad allungarsi, il freddo si fa più intenso.

Quando l’ fioca sö la fòia, l’è un invèren che fa òia.

Quando nevica sulla foglia, è un inverno che fa venir voglia (piacevole).

Quando la niv no i la ed nissü, la é zó a muntù.

Quando la neve non la vede nessuno (di notte) scende abbondante.

San Silvèster a l’ disia de no dì mal del an fin che no l’ finìa.

San Silvestro diceva di non dire male dell’anno fino a qiando non era terminato.

Santa Barbara e san Simù i tègn lontà la saèta a ‘l trù.

Santa Barbara e san Simone tengono lontano il fulmine e i tuoni.

Se l’ fa sul a santa Bibiana, l’fa bèl tép per öna quarantana.

Se fa bel tempo a santa Bibiana, farà bel tempo per quaranta giorni.

Seré d’invèren, frèsch d’estàt, i è laùr de no fidàs.

Sereno d’inverno, fresco d’estate sono situazioni da non fidarsi (instabili).

Starnüdì a Nedàl l’è ü schèrs del diaòl.

Starnutire a Natale è uno scherzo del diavolo.

 

Proverbi: meteorologia, la campagna, il lavoro, gli animali

 

A caàl dunàt no s’ghe arda ‘n bóca.

A caval donato non si guarda in bocca.

A fa del bé al àsen a s’ ciapa di pessade.

A far del bene all’asino si prendono calci.

Ai gate ègia l’ghe piàs i racc noèi.

Alle gatte vecchie piacciono i topi giovani.

An de tante rae, an de pó magagne.

Anno con tante rape, anno con pochi malanni.

Àsen de natüra chi non sa lès la sò scritüra.

È asino di natura chi non sa leggere la propria scrittura.

Bisògna mia sinsigà ol cà che dórma.

Non si deve molestare il cane che dorme.

Bö ècc, sólch drécc.

Bue vecchio, solco diritto.

Cà che bór a l’pia mia.

Can che abbaia non morde.

Caàl pissenì a l’par sèmper poledrì.

Cavallo piccolo sembra sempre un puledro.

Chi àsen nass, àsen mör.

Chi asino nasce, asino muore.

Chi sómna co’l vènt, a l’ regói tempèsta.

Chi semina vento, raccoglie tempesta.

Chi sómna ‘l órt ol venerdé sant, no l’ gh’avrà mai dan.

Chi semina l’orto il venerdì santo non avrà mai danno.

Chi sta co’l lüf l’impara a ürlà.

Chi sta con il lupo impara ad ululare.

Contadì piöcc no l’ deenterà mai sciòr.

Contadino spilorcio non diventerà mai ricco.

Fómne, pàssere e óche i par tante a’ se i è póche.

Donne, passere ed oche sembrano molte anche quando son poche.

Fürmighe ‘n processiù, aqua a muntù.

Formiche in processione, presto verrà un acquazzone.

Gacc inguantàcc non ciapa racc.

Gatti con tanto di guanti non prendono topi.

Galina ègia fa bu bröd.

Gallina vecchia fa buon brodo.

Gna i cà i mèna la cua per ol negót.

Nemmeno i cani scodinzolano per nulla.

I amìs i è rar come i mósche bianche.

Gli amici sono rari come le mosche bianche.

I sólcc i va e i vé, ma la tèra l’è sèmper lé.

I denari vanno e vengono, ma la terra rimane sempre al suo posto.

L’èrba catìa la mör mia.

L’erbaccia non muore mai.

‘L öcc del padrù l’ingrassa ‘l caàl.

L’occhio del padrone ingrassa il cavallo.

La anga la gh’à la pónta d’ór.

La vanga ha la punta d’oro.

La galina piculina la par sèmper noelina.

Gallina piccola sembra sempre giovane.

La gata fressusa la fa i micì  òrb.

La gatta frettolosa fa i gattini ciechi.

La gramégna la nass depertöt.

L’erba gramigna nasce ovunque.

La pianta che no fà fröt, s’la tàia e s’la böta sö’l föch.

La pianta che non dà frutto, si taglia e si getta sul fuoco.

La prima galina che canta l’è chèla che à facc ‘l öv.

La prima gallina che canta è quella che ha fatto l’uovo.

La vólp la pèrd ol pél ma mia i ésse.

La volpe perde il pelo ma non i vizi.

La söcia l’è pès de la tempèsta.

La siccità è peggio della tempesta.

La zoentü l’è la belèssa del àsen.

La giovinezza è la bellezza dell’asino.

Mè mia domandàga a la gata se l’ghe piàs ol lard.

E’ inutile chiedere alla gatta se le piace il lardo.

Mèi ü rat in bóca a ü gat che ü cristià ‘n di mà d’ün aocàt.

(Sta) meglio un topo in bocca ad un gatto, che un cristiano nelle mani di un avvocato.

Mei ün öv incö che öna póia domà.

Meglio un uovo oggi che una gallina domani.

Mögia bò che l’èrba crès.

Muggisci pure, bue, che l’erba sta crescendo.

Nìola rósa, o che l’ piöv o che l’ bófa.

Nuvola rossa, o piove o soffia (chiama acqua).

Ol bö ècc no ‘l sènt gna ‘l cóld gna ‘l frècc.

Il bue vecchio non patisce più né per il caldo né per il freddo.

Ol gat a l’cór se gh’è ‘l rat.

Il gatto corre se c’è il topo.

Ol pèss gròss a l’ mangia chèl pìcol (o minüt).

Il pesce grosso, ingoia quello piccolo.

Ombrèle e lìber, fómne e caài, s’imprèsta mai.

Ombrelli e libri, donne e cavalli, non si prestano mai.

Pa e nus, mangià de spus.

Pane e noci, cibo da sposi.

Pelà la póia sensa fàla cridà.

Spennare la gallina senza farla strillare.

Per viga ü bu móst, sapa la it de óst.

Per ottenere un buon mosto, zappa la vite d’agosto.

Quando ‘l sul a l’va e l’ve te gh’é l’aqua prèst ai pé.

Quando il sole va e viene, presto hai l’acqua ai piedi.

Quando zontüre, feride e òss i döl, ol tép a l’va al bröt.

Quando giunture, ferite e ossa sono dolorose, il tempo si mette al brutto.

Serà fò la stala quando i bö i è scapàcc.

Chiudere la stalla quando i buoi son fuggiti.

Söche e melù, ògna fröt a la sò stagiù.

Zucche e meloni, ogni frutto alla propria stagione.

Soméssa ‘n tèra, speransa ‘n cél.

Seme nella terra, speranza nel cielo.

Tance pöles, tant formét.

Molte pulci, molto frumento.

Töcc i cà i fa ‘ndà la cua; töcc i coiò i völ dì la sua.

Tutti i cani scodinzolano, tutti gli sciocchi sentenziano.

Tra cà e cà i se mangia mia.

I cani tra loro non si mangiano.

Ü gal per polér, ü prét per campanél, öna fómna per camì.

(Stanno bene) un gallo per pollaio, un prete per campanile, una sola donna per ogni camino.

 

Proverbi: il ciclo della vita

 

 

Amùr növ a l’va e l’vè ma chèl vècc a l’se manté.

L’amore nuovo è incostante, ma quello vecchio si mantiene.

Chèl che s’impara de s-cèt, l’rèsta sèmper ‘n del servèl.

Ciò che s’impara da ragazzi, rimane sempre in testa.

Chi l’è mia bu per ol re, l’è mia bu gna per la regina.

Chi non è valido (scartato dal servizio miltare) per il re, non è valido nemmeno per la regina (come marito).

Chi öl ol póm, bate la rama; chi öl la s’cèta, carèse la mama.

Chi vuole la mela, scuota l’albero; chi vuole la figlia, accarezzi la madre.

Chi tö moér a l’fa bé, chi no l’la tö l’fa mèi.

Chi si sposa fa bene, chi non si sposa fa meglio.

Di pedàgn ghe n’è tance ma di dòne póche.

Le gonne sono tante, ma le vere donne poche.

Dòne e mutùr, crus e dulùr.

Donne e motori, croci e dolori.

Fin che gh’è fiàt gh’è éta.

Fino che c’è fiato c’è vita.

Fòmne, ombrèle, leròi i è töcc imbròi.

Donne, ombrelli, orologi son tutti imbrogli.

Förtünada chèla spusa che la prima l’è öna tusa.

Fortunata è quella sposa, la cui prima nata è femmina.

I dòne i grigna quando i pöl, i pians quando i völ.

Le donne ridono quando possono, piangono quando vogliono.

I fómne i ghe n’sa öna piö del diàol.

Le donne ne sanno una più del diavolo.

I fómne i pians, i se mala, i se döl quando i völ.

Le donne piangono, si ammalano, si fan venire i dolori quando vogliono (l’età?).

I laùr tròp lóng i deènta serpènc.

Situazioni che si trascinano troppo a lungo diventano serpenti.

I söche i stà sèmper a gala.

Le zucche stanno sempre a galla.

‘Lamùr l’imbènda i öcc.

L’amore mette una benda sugli occhi.

La fómna che sta a la sò cà, la tróa sèmper del defà.

La donna che cura la sua casa ha sempre da sfaccendare.

La pàia apröf al föch la se ‘mpia.

La paglia vicino al fuoco si accende.

La pas tra madòna e spusa la düra tat come la niv de mars.

La pace tra suocera e nuora dura tanto come la neve a marzo.

La ròba metida ‘n vedrina l’è l’öltima endida.

La roba che si espone (figlia da marito) e l’ultima ad essere venduta.

La zoentü l’è öna entada; a s’se rincórs quando l’è passada.

La gioventù ècome  una ventata, ci si accorge quando è ormai passata.

Murusa del cümü, spusa de nissü.

Morosa di tutti, sposa di nessuno

Murusa stantida, famèa falida.

Fidanzamento troppo lungo, famiglia fallita.

Ògne cà la gh’à ü cóp rót.

Ogni casa ha una tegola rotta.

Ol amùr l’è mia polènta.

L’amore non è polenta…(ma pietanza).

Ol basì l’è ‘l prim scalì.

Il bacio è il primo gradino.

Ol culùr róss a l’fa ardà, ‘l culùr ismórt a l’fa inemurà.

Il colore rosso fa guardare, ma il colore pallido fa innamorare.

Ol signùr prima i la crèa e pò i la péra.

Il signore prima li crea e poi li appaia.

Per i dòne trènta piö ü, l’fa vintü.

Per le donne trenta più uno fa ventuno.

Quando i nass.. töcc bèi; quando i se spusa.. töcc isciòr; quando i mör..  töcc bu.

Quando nascono..tutti sono belli; quando sposano..tutti ricchi; quando muoiono.. tutti buoni.

Quando ’l amùr a l’gh’è la gamba la tira ‘l pè.

Dove c’e l’amore, la gamba tira il piede.

Quando ‘l marìt l’è sóta-tèra la èdoa la se fa piö bèla.

Quando il marito è stato sotterrato la vedova si fa più bella.

S-cècc ispusàcc, fastöde ‘ndopiàcc.

Figli sposati, fastidi doppi.

Se l’manca i s-cècc in cà gh’è frècc.

Se mancano i figli la casa è fredda.

Se la madòna la à e la spusa la è, alura sé ch’i se öl be!

Se la suocera esce e la sposa entra, allora vanno veramente d’accordo.

Ü pàder a l’manté dés fiöi, ma dés fiöi i manté mia ü pàder.

Un padre riesce a mantenere dieci figli, ma dieci figli non mantengono un padre.

 

Proverbi: la vecchiaia

 

A mör a s’è sèmper a tép.

A morire si è sempre a tempo.

A sèt agn a m’sè pötèi, a setanta m’sé amò chèi.

A sette anni siamo ragazzini, a settanta siamo ancora uguali.

Chi mör tas; chi viv i se dà pas.

Chi muore tace, chi vive si dà pace.

Chi è mórt è mórt; chi è viv i mangia e i biv e i préga ‘l Signùr ch’i la lasse iv.

Chi è morto è morto; chi è vivo mangia e beve e prega Iddio che lo lasci campare.

De sigür no gh’è che la mórt.

Di sicuro non c’è che la morte.

Öna cà sènza ècc l’è compàgn d’öna cà senza tècc.

Una casa senza vecchi è come una casa senza tetto.

Per no deentà ècc bisògna mör zuègn.

Se non si vuol diventare vecchi bisogna morir giovani.

Piö s’vé ècc e piö l’rincrèss a mör.

Più si diventa vecchi tanto più rincresce morire.

Quando i parla bé de ergü, o l’è mórt o l’è apröf a mör.

Quando si sente parlar bene di qualcuno, o è morto o gli manca poco.

Quando te sé ècc te se scóldet co la lègna teada de zùen.

Quando sei vecchio ti scaldi con la legna che hai tagliato da giovane.

 

Proverbi: la salute

 

A fórsa de magàgn, a s’campa sènt’agn.

Da un acciacco all’altro si campa cent’anni.

Aria de fessüra, aria de sepoltüra.

Aria che viene da fessura è aria che porta alla sepoltura.

Bisògna ìga piö pura del dutùr che del dulùr.

Bisogna temere più il medico che il dolore.

Erùr de dutùr, volontà del Signùr.

Errore di medico, volontà di Dio.

La salüte no l’è mai pagada assé.

La salute non ha prezzo.

Ol dutùr mè saì fàssel de per lur.

Bisogna sapersi fare medici di se stessi.

Tóss tossèta, ciama cassèta.

Una tossicciola continua porta alla morte.

 

Proverbi: sul mangiare

 

A tàola s’vé mai vècc.

A tavola non s’invecchia.

Frèssa a mangià, frèssa a crepà.

Chi a fretta nel mangiare ha fretta di morire.

Quando s’gh’à fam l’è bu töt.

Quando si ha fame tutto è buono.

Ròba che no massa l’è töta ròba che ‘ngrassa.

Cibo che non uccide è tutto cibo che fa buon pro.

Ü past bu e ü mesà l’manté ‘l òm sà.

Un pasto abbondante ed uno leggero mantengono l’uomo in salute.

Ü sach vöd a l’pöl mia stà ‘n pé.

Un sacco vuoto non può stare ritto in piedi.

 

Proverbi: Cibi vari

 

 

Cavrèt e agnèl,  s’i mangia sènsa cortèl.

Capretto e agnello si mangiano senza coltello.

La bóca l’è mai straca se no la sènt de aca.

La bocca non è stanca se non sente di mucca (formaggio).

La minèstra l’è la biaa del òm.

La minestra è la biada dell’uomo.

Ol póm verdèl l’è piö bu che bèl.

La mela non ancora matura è più buona che bella.

 

 

Proverbi: Il vino

 

Chi che parla ‘n latì a i vanta l’aqua ma i biv ol vi.

Coloro che parlano latino, celebrano l’acqua ma bevono il vino.

L’è sèmper ‘l öltem bicér che l’fa ciapà la ciòca.

E’ sempre l’ultimo bicchiere che rende ubriachi.

Mèi ol vi cóld de l’aqua frègia.

Meglio vin caldo che acqua fredda.

Quando la barba la trà al bianchì lassa la dòna e tàchet al vi.

Quando la barba incomincia a farsi bianca, lascia la donna e attaccati al vino.

Vi a bu mercàt a l’mèna al ospedàl.

Vino di pochi soldi conduce all’ospedale.

 

Proverbi: Dio, provvidenza e religiosi

 

Chi tònega l’à portàt, l’ispössa sèmper de frà.

Chi ha portato tonaca odora sempre di frate.

Co’l Vangéle ‘n di mà, s’pöl deentà erètech.

Con il vangelo in mano si può diventare eretici.

La lüs del sul l’è l’ombréa del Signùr.

La luce del sole è l’ombra di Dio.

No gh’è che ‘l Signùr che no l’fala.

Solo Iddio non commette errori.

No l’cróda fòia che Dio no l’vòia.

Non cade foglia come Dio non voglia.

Ol signùr a l’dis: ötet che te öteró.

Dice il Signore: aiutati che io ti aiuterò.  Chi s’aiuta il ciel l’aiuta.

Ol Signùr a l’gh’à gna cà gna föch ma l’gh’è de per töt.

Iddio non ha ne casa ne focolare, ma è dovunque.

Ol Signùr a l’ paga mia a giornada, ma töcc i sabàcc.

Il Signore non paga a giornata ma ad ogni  sabato.

Ol Signùr a l’zöga a scóndes; tóca a nóter a sircàl.

Il Signore gioca a nascondino spetta a noi cercarlo.

Ol signùr l’à facc du öcc: ü per nóter, ü per i óter.

Il signore ha dato due occhi: uno per badare a noi, uno per gli altri.

Ol signùr l’è sura i tècc ma ‘n del cör a l’se fa sènt.

Il signore sta sopra i tetti, ma si fa sentire nel cuore.

Ol Signùr l’istà a gala sènsa èss bu de nodà.

Il signore stà a galla senza essere capace di nuotare.

Précc, mòneghe e frà; leàga ‘l capèl e lassài indà.

Il signore stà a galla senza essere capace di nuotare.

Précc, mòneghe e frà; leàga ‘l capèl e lassài indà.

Preti, monache e frati; tanto di cappello e laciarli andare.

Se ‘l Signùr a l’völèss dà scólt a töcc a l’gh’avrèss ü bel defà.

Se il Padreterno dovesse prestare orecchio a tutti, avrebbe un bel daffare.

 

 

Proverbi: Morale, colpa e fede

 

A Dosséna per la mascherada de carneàl, no manca gne ‘l Föria, gne ‘l Diàol.

A Dossena per la mascherata di carnevale, non manca né l’asino né il diavolo.

A san Matìa la niv la à via.

A san Mattia, la neve si scoglie.

A m’sè töcc de carne e òss e m’pöl töcc burlà ‘n del fòss.

Siamo tutti di carne e ossa e possiamo tutti cadere nel fossato.

A metà zenér, metà pa e metà fé.

A metà gennaio, metà di pane e metà di fieno.

Aqua santa e tèra santa ‘s fà ol paciüch.

Acqua santa e terra santa, fanno fango.

Chi dà al poarì l’impresta al Signùr.

Chi dona al poveretto presta al Signore.

Chi de Bèrghem i slónga ‘l carneàl fina ai pórte de Milà.

Quelli di Bergamo allungano il carnevale fino alle porte di Milano.

Chi no sómna no regói.

Chi non semina non raccoglie.

Dopo Nedàl, töcc i dé i è carnèal; dopo Pasquéta, töcc i dé de alegréssa; dopo S. Antóne, i bala a’ i nóne.

Dopo Natale, tutti i giorni son carnevale; dopo l’Epifania, tutti i giorni son d’allegria; dopo S. Antonio, ballano anche le nonne.

Dopo S. Antóne töcc i dé  i è del demone.

Dopo S. Antonio, tutti i giorni sono del demonio.

Epifania, töte i fèste pórta via.

L’Epifania tutte le feste si porta via.

Falàt ol prim basèl a s’è ‘n fónd a la scala.

Fatto il primo errore, si ruzzola in fondo alla scala.

I öltem a ‘ndà ‘n césa i è i prim a ègn de fò.

Gli ultimi ad entrare in chiesa sono i primi ad uscire.

I sbaglia anche i précc a dì mèssa.

Sbagliano anche i preti a dire messa.

La cossiènsa l’è come l’ gatìgol: gh’è chi l’la sènt e chi no l’la sènt.

La coscienza è come il solletico, c’è chi lo sente e chi non lo sente.

La Mèssa l’è lónga se la diussiù l’è cörta.

La messa è lunga se la devozione è poca. 

Ol diàol l’völ cassà i córegn depertöt.

Il diavolo caccia le corna dovunque.

Ol diàol a l’fa i pignate ma mia i coèrcc.

Il diavolo fa le pentole ma non i coperchi.

Pensà bé per no pecà, pensà mal per no sbaglià.

Pensar bene per non peccare, pensar male per non sbagliare.

Regordà i mèrecc l’è öna rüina; regordà i erùr l’è medesina.

Ricordare solo i meriti è dannoso; ricordare gli errori  è una medicina.

S’nümina ‘l pecàt, mia ‘l pecadùr.

Si nomina il peccato, non il peccatore.

Se ‘l Signùr a l’te cönt di pecàcc de la picàia, a l’impienéss ol paradìs de pàia.

Se il Signore tiene conto delle colpe della nostra fragilità, riempie il paradiso di paglia.

Se s’fa del mal, mè recordàl; se s’fa del bé desmentegàl.

Se si fa del male bisogna ricordarlo, se si fa del bene dimenticarlo.