BERGAMO EVENTI: SCOPRIRE IL TERRITORIO CON PROPOSTE CULTURALI, TURISTICHE, FIERE, EVENTI, MOSTRE…


 

BERGAMO

 

 

DOMENICHE IN SANTA MARTA

 

 

santamarta

 

 

Prosegue con grande successo l’iniziativa «Domeniche in Santa Marta»

 

 

 

UBI Banca invita bergamaschi e turisti ad unirsi alle visite guidate gratuite di ogni prima domenica del mese e a scoprire così il Chiostro di Santa Marta, autentico gioiello di architettura rinascimentale, parte dell’antico monastero domenicano femminile di Santa Marta (fondato nel 1335-40), ristrutturato dall’architetto Luigi Angelini nel 1935 e dal figlio Sandro nel 1991.

Visite guidate gratuite tutte le prime domeniche del mese dalle 10 alle 12 e dalle 15 alle 19.

 

Bergamo Chiostro di Santa Marta, Piazza Vittorio Veneto 8
Domenica 05 novembre 2017
Ora inizio: 10:00

 

 

LA FORTEZZA DI BERGAMO. UN’ESPLORAZIONE

PASSSO PASSO A DUE VOCI.

 

 

bergamopanoramica1

 

 

Quattro visite guidate alla riscoperta delle Mura veneziane a cura di Tosca Rossi e Valter Nava.

 

 

Una storica dell’arte, un architetto e un paesaggista, entrambi guide turistiche abilitate: due voci raccontano la fortezza cinquecentesca voluta dalla Serenissima attraverso quattro itinerari. Quattro visite guidate per scoprire lo straordinario monumento nei suoi aspetti tecnici e storici, per spiegare l’influenza della sua immagine sulla produzione artistica nei secoli. E per mostrare il suo rapporto con il tessuto urbano e il paesaggio.

 

1 – DALLA CANNONIERA DI SAN GIOVANNI AL FORTINO

Domenica 12 novembre – Ritrovo: Colle Aperto – h. 14,30

 

2 – DAL BALUARDO DELLE CENTO PIANTE ALLO SPALTO DEL PALLONE

Sabato 25 novembre – Ritrovo: Porta San Giacomo – h. 14,30

 

3 – DAL BALUARDO DI SANT’ALESSANDRO ALL’IMBOCCO DELLA VIA PRIULA

Sabato 2 dicembre – Ritrovo: Colle Aperto – h. 14,30

 

4 – DALLA FORTEZZA DI SAN VIGILIO AL FORTE DI SAN MARCO

Sabato 16 dicembre – Ritrovo: San Vigilio (Stazione superiore funicolare) – h. 14,30

 

PRENOTAZIONE OBBLIGATORIA

Costo di partecipazione per visita: 12 euro/persona, gratuito per bambini fino a 12 anni. Durata degli itinerari 2 ore e 30 circa.

Per la prenotazione, inviare una mail a: Tosca.rossi@gmail.com    oppure a: info@tourmilanobergamo.it, indicando il numero degli iscritti e un recapito telefonico

Per informazioni: 3393770651 – 3471507520

 

 

 

 

#MAIDIDOMENICA

 

 

BERGAMO ALTA GIARDINO 29

 

 

Itinerari domenicali tra i tesori della Biblioteca Civica Angelo Mai.

 

 

A partire dal 27 agosto, la Biblioteca Civica Angelo Mai apre le porte alla domenica con visite guidate gratuite.

Il progetto #maididomenica, realizzato grazie alla collaborazione dell’Associazione Amici della Biblioteca, prevede l’apertura straordinaria della Biblioteca Mai alla domenica.  Sarà possibile scoprire la storia di Palazzo Nuovo, delle sue ornamentazioni, delle opere d’arte insieme alle vicende della formazione e dello sviluppo della Biblioteca.

Ai visitatori, organizzati in gruppi, oltre alla visita guidata della mostra, verranno anche offerti in visione, ad ogni appuntamento domenicale, esemplari rari dell’immenso patrimonio librario e documentario conservato.

Le visite, della durata di circa 1 ora, inizieranno alle ore 10, 11 e 12 di ciascuna domenica di apertura.

Per prenotazioni inviare una mail a info@bibliotecamai.org indicando nome, cognome, recapito telefonico, numero di partecipanti e data e orario prescelto; oppure telefonare allo 035.399430.

 

 

 

 

DALMINE

 

LA BANDA DI MARIANO AL BREMBO COMPIE 90 ANNI “SUONATI”. MUSICA, CONCERTI E FOTOGRAFIA PER FESTEGGIARLA.

 

 

0106-1965BANDA1

 

 

La banda di Mariano al Brembo festeggia i 90 anni di fondazione con una rassegna musicale e una mostra fotografica.

 

Il sodalizio venne fondato nel 1927 dai fratelli Angelo e Giuseppe Vitali. erano talmente appassionati di musica, da mettere a disposizione la loro bottega artigianale perché i giovani del paese imparassero i primi rudimenti della musica. Dopo alterne vicende e passata la guerra, nel 1947 fu ricostruita grazie all’allora parroco don Angelo Fenaroli. Nel 1971 ci fu la vera ripresa, con don Gianmaria Forconi che si dedicò ai giovani, portando gli allievi da 12 a 40. Oggi il corpo musicale San Lorenzo Martire di Mariano continua questa tradizione, puntando ancora sui giovani. Da diversi anni infatti, in collaborazione con il corpo musicale di Sforzatica e l’associazione Tassis di Dalmine entra nelle scuole, insegnando ai bambini della quarta classe della scuola primaria, avvicinandoli agli strumenti a fiato.

Per festeggiare i 90 anni di fondazione, la banda di Mariano propone una rassegna musicale in tre appuntamenti:

Sabato 11 novembre alle ore 21: Concerto del corpo musicale di Almeno San Salvatore

Domenica 3 dicembre alle ore 16: Concerto del corpo musicale di Sforzatica

Venerdì 22 dicembre alle ore 21: Concerto del corpo musicale San Lorenzo Martire di Mariano

Tutti gli appuntamenti si svolgeranno al cine-teatro “Le Muse”. Per l’occasione è stata allestita una Mostra Fotografica che ripercorre la storia del corpo musicale San Lorenzo Martire di Mariano.

 

 

 

 

 

 

 

DAL 25 SETTEMBRE 2017 “FACCIA A FACCIA”: NUOVO PROGETTO DI RECUPERO E VALORIZZAZIONE DEI FILM DI FAMIGLIA A DALMINE

 

 

cinescatti

 

 

FINALITA’ DEL PROGETTO

 

Salvare e recuperare i vecchi filmini amatoriali girati a Dalmine tra gli anni ’20 e gli anni ’90: s’intitola Faccia a faccia. Memoria visiva della città industriale il nuovo progetto di Lab 80 e del suo Archivio Cinescatti, nato grazie al supporto di Fondazione Dalmine, all’interno della più ampia iniziativa faccia a faccia, progetto per la conservazione e valorizzazione del patrimonio industriale di TenarisDalmine, e alla collaborazione fattiva del Comune di Dalmine.

Il progetto prevede due mesi di raccolta materiali, poi la digitalizzazione in alta definizione e la catalogazione dei filmati, infine un grande evento in cui saranno proiettate pubblicamente le vecchie pellicole digitalizzate: queste le fasi del progetto, che prende ufficialmente il via lunedì 25 settembre, data a partire dalla quale chiunque potrà affidare i propri filmini alle cure dell’Archivio Cinescatti. Le pellicole, che devono essere in formato 9,5mm Pathé Baby, 16mm, 8mm o Super8, una volta digitalizzate e archiviate saranno naturalmente restituite ai loro proprietari, insieme ad una copia digitale gratuita (se i proprietari lo vorranno potranno comunque donarle all’archivio).

Le pellicole possono contenere immagini di vita privata come testimonianze di viaggi, feste famigliari e momenti di vita quotidiana ma anche immagini di eventi pubblici come manifestazioni, avvenimenti sportivi, episodi di cronaca, vedute del paesaggio. Vengono raccolte anche le testimonianze che sono presenti in archivi audiovisivi inediti di enti, aziende o associazioni che operano sul territorio di Dalmine.

Una selezione dei filmati digitalizzati (sarà data priorità a quelli più fortemente legati alla storia industriale di Dalmine) confluirà poi sul sito web www.facciaafaccia.org, integrando i materiali già presenti.

«Affidateci le vostre memorie, ce ne prenderemo cura – ha detto Giulia Castelletti, curatrice dell’Archivio Cinescatti di Lab 80, durante la conferenza stampa di presentazione del progetto -. Chiediamo a chiunque possieda questo tipo di filmati di partecipare: questi sono materiali importanti perché, grazie al racconto di eventi privati e famigliari, possono documentare in modo inedito e originale gli accadimenti, le abitudini, le tradizioni, le relazioni sociali e culturali all’interno della comunità e del territorio nel tempo passato. Si tratta di filmati che oggi spesso giacciono dimenticati in armadi, soffitte e cantine, e che rischiano di finire dispersi o rovinati. Con questa iniziativa aggiungiamo un nuovo pezzo al progetto di salvaguardia e valorizzazione del patrimonio immateriale del territorio di Dalmine, obiettivo che già Fondazione Dalmine si è prefissata con faccia a faccia. Cercheremo anche, quando possibile – aggiunge Castelletti -, di coinvolgere gli autori dei filmati o i loro famigliari, chiedendo di raccontarci le scene che sono state riprese e i ricordi che ad esse si collegano, in modo da ampliare la raccolta delle memorie grazie anche ad un contributo orale».

In merito al sostegno che Regione Lombardia ha dato al progetto, premiandolo per la partecipazione al bando regionale “Avviso Unico Cultura 2017: Ambito patrimoniale immateriale”, gestito in modo particolare da AESS – Archivio di etnografia e storia sociale, Sergio Visinoni, responsabile di Lab 80, ha aggiunto: «Abbiamo la fortuna e il merito di aver ottenuto un finanziamento regionale per questo progetto, che si svolgerà grazie alla fondamentale collaborazione di Fondazione Dalmine e del Comune di Dalmine. Col recupero di filmini girati in ambito famigliare aggiungiamo uno sguardo diverso, una prospettiva nuova al patrimonio della memoria finora costruito, perché stavolta ci occupiamo di memoria privata».

«Questo progetto ci sta molto a cuore – ha detto Paolo Cavalieri, Assessore a Cultura e istruzione del Comune di Dalmine -. Il tema dei filmati di famiglia si inserisce in un percorso che da anni è stato intrapreso per la conservazione della memoria del territorio. Come Amministrazione comunale sollecitiamo i cittadini a partecipare e a consegnare le proprie vecchie pellicole, è anche un’occasione per poterle avere in versione digitale».

Sulla stessa linea Manuel Tonolini, di Fondazione Dalmine: «Da anni lavoriamo sulle immagini con il progetto faccia a faccia, grazie a cui dal 2006 abbiamo raggiunto tante persone e raccolto altrettante storie. Con questa nuova iniziativa ci apriamo alle testimonianze filmate, con cui potremo ampliare ulteriormente la memoria della città. Il valore culturale in gioco è grande e sono curioso di scoprire quanti materiali raccoglieremo: è una bella sfida».

I filmati potranno essere consegnati fino al 24 novembre alla sede di Fondazione Dalmine, in via Vittorio Veneto a Dalmine, da lunedì a venerdì dalle 10 alle 13 e dalle 15 alle 18. In caso si sia impossibilitati alla consegna, è possibile contattare i responsabili del progetto e concordare un appuntamento a domicilio. Tra il 25 settembre e il 24 novembre, periodo di durata della raccolta dei filmati, nel corso di tre giornate circolerà per Dalmine il Cinefurgone: piccola sala cinematografica mobile a due posti di Lab 80. Agli addetti presenti si potranno consegnare i propri filmini e, inoltre, nel piccolo cinema a quattro ruote sarà possibile assistere alla proiezione di alcune delle pellicole più interessanti tra quelle raccolte. Il Cinefurgone sarà a Dalmine domenica 1 ottobre, sabato 21 ottobre e sabato 4 novembre.

 

Tutte le informazioni e i dettagli sul progetto si trovano sui siti www.cinescatti.it, www.lab80.it, www.fondazionedalmine.org e ai numeri 035.342239 e 035.5603418.

 

 

DAL 17 OTTOBRE 2017 AL 30 SETTEMBRE 2018: ” PAUSA PRANZO. CIBO, INDUSTRIA, LAVORO NEL ’900″

 

pausapranzo

 

 

Foto d’autore, filmati, oggetti e documenti tratti da archivi industriali ricostruiscono modi, tempi, luoghi del consumo del pasto in fabbrica.Dalla gavetta, ai refettori, alle mense aziendali: un excursus storico nella cultura industriale del ‘900.

 

 

VISITE GUIDATE -FONDAZIONE DALMINE – Ore 15.00-18.00 – Durata visita 1h circa – Prenotazione obbligatoria
24 ottobre, nell’ambito di Archivi aperti
10-24 novembre, nell’ambito della XVI Settimana della Cultura d’Impresa

INFO
segreteria@fondazionedalmine.org | 0355603418

 

 

La Fondazione Dalmine nasce nel 1999 per iniziativa di TenarisDalmine con l’obiettivo di promuovere la cultura industriale valorizzando la storia di un’impresa siderurgica radicata nel territorio da oltre un secolo e oggi parte di un’azienda globale, Tenaris.

Conservare l’archivio storico dell’impresa, facilitarne l’accesso, realizzare studi e ricerche nei campi della business history e della storia economica e sociale, divulgarne i risultati attraverso mostre e eventi, organizzare seminari e momenti formativi: queste le linee di un progetto culturale rivolto agli studiosi, al mondo della ricerca universitaria, alla scuola, ma anche ad un pubblico più vasto.

 

Piazza Caduti del 6 luglio 1944, n.1
24044 Dalmine (BG) – Italia
Ingresso da via Vittorio Veneto

 

tel 035 560 3418
fax 035 560 3525
e-mail: segreteria@fondazionedalmine.org

 

La fondazione è aperta a studiosi e ricercatori, previo appuntamento:

e-mail: ricerche@fondazionedalmine.org

LALLIO

 

 

 

VISITE GUIDATE ALLA CHIESINA DI SAN BERNARDINO, CAPOLAVORO D’ARTE BERGAMASCA

 

 

SANBERNARDINO1

 

 

Domenica 16 aprile aprirà le porte per mostrare i suoi splendidi affreschi.

La chiesa di S. Bernardino è la più antica costruita in onore del grande Santo senese, nello stesso anno della canonizzazione (1450).
La chiesa fù costruita a Lallio per volontà di Eustacchio Licini detto “Cacciaguerra”, frate del convento delle Grazie fondato da S. Bernardino durante la sua permanenza a Bergamo.
Riconosciuta monumento nazionale per l’importanza storica ed artistica, è un pregevole documento del manierismo lombardo ed una delle rarissime rimaste in Lombardia. Il suo interno è completamente affrescato, con cicli dedicati alla vita della Madonna, S. Caterina d’Alessandria, di S. Bernardino e alla passione, morte e resurrezione di Cristo.
Nelle due cappelle laterali, aggiunte nel 1532, si trovano affreschi di diversi santi di grande devozione popolare.
I 99 dipinti al suo interno sono opera di Gerolamo Colleoni (1500 – 1570), di Cristoforo Baschenis il Vecchio (1520 – 1613) e di un autore ignoto (certo T.L.) del 1600. La facciata esterna era ricoperta di affreschi che, nel 1967, sono stati staccati per sottrarli alla rovina completa e attualmente sono collocati nella sagrestia della chiesa parrocchiale.

 

 

Lallio Chiesa di San Bernardino via Rota
Doneca

Telefono: 035200822
Maggiori informazioni degli eventi su www.sanbernardinolallio.it

info@sanbernardinolallio.it

FB @sanbernardinolallio

 

 

BERGAMASCA

 

 

 

IL “TRENO BLU” E I “TRENI DEL GUSTO” PER CSOPRIRE LA LOMBARDIA FUORIPORTA FRA NATURA, ARTE E FESTE ENOGASTRONOMICHE

 

 

ferrovieturistiche

 

 

 

Con la primavera ormai iniziata, cresce anche il desiderio di qualche gita fuoriporta, lontano dallo stress del traffico, per riscoprire i paesaggi dimenticati della Lombardia. Allora perché non pensare ad un’escursione con un treno storico? Con la destinazione finale che può essere una gita in battello sul Lago d’Iseo piuttosto che la degustazione di prodotti tipici della tradizione lombarda; o verso altre mete ancora, anche fuori regione, tutte comunque da ‘leccarsi i baffi’.

E’ quanto propone il  programma 2017, al via il prossimo 1° maggio , con iniziative fino a dicembre, messo a punto dalle Associazioni di volontariato senza scopo di lucro ‘Ferrovia del Basso Sebino’ e “Ferrovia Turistica Camuna” (entrambe del Gruppo “F.T.I. – Ferrovie Turistiche Italiane”), in collaborazione con Italia Holiday (nuovo partner), con la Fondazione FS e altri Enti.
L’iniziativa ‘TrenoBLU – Treni turistici per il Lago d’Iseo… e non solo’, quest’anno alla sua ventiquatresima stagione, prevede quasi sempre partenze da Milano e Bergamo  in direzione soprattutto del Lago d’Iseo ed i suoi dintorni, senza dimenticare altre notevoli località lombarde, sedi di interessanti manifestazioni, per lo più gastronomiche. Da sottolineare che le manifestazioni in calendario si svolgeranno esclusivamente con treni storici a vapore, trainati da una sbuffante locomotiva del 1913 (la mitica 625-100, detta la “Signorina”, ormai ultracentenaria), con le tipiche carrozze “centoporte”, dalle classiche panche in legno, degli anni ’30 del secolo scorso (oggi preservate nel parco storico della Fondazione FS).
Il viaggio si svolgerà principalmente lungo la linea turistica Palazzolo sull’Oglio – Paratico Sarnico, una linea rimasta chiusa per quasi 30 anni e riattivata nel 1994 grazie all’iniziativa di FBS, Trenitalia e RFI, WWF, enti locali e aziende private.
Da inizio maggio a fine giugno e poi da settembre a metà ottobre, in numerose occasioni verranno quindi proposte interessanti iniziative rivolte a tutti coloro che vorranno passare una giornata al lago o immergersi in qualche evento enogastronomico, a stretto contatto con la natura e lontani mille miglia dal caos stradale.

Pertanto lungo la linea che si affianca al fiume Oglio nel suo percorso dal lago alla pianura, gli appuntamenti saranno il 1°, il 14 e 28 maggio, oltre all’11 e 25 giugno ed al 10 settembre.
Si ricorda che, per chi non fosse interessato al solo viaggio sul treno storico, sono quasi sempre disponibili anche delle proposte a “pacchetto completo”   comprensive di viaggio in treno, escursione in battello, pranzo tipico in ristorante e visite a interessanti borghi.
Per restare in tema, non mancheranno poi le occasioni per scoprire i vini DOC Val Calepio  in una limitata serie di bottiglie con etichetta ‘selezione Treno BLU’.

Da segnalare, tra le proposte di quest’anno, anche alcune significative conferme come l’originale rappresentazione teatrale in viaggio con il ’”Delitto sul Sebino Express” (il 14 maggio) ed i più recenti successi degli ultimi anni con gli appuntamenti autunnali della “Sagra e Palio dell’oca” a Mortara (PV) il 24 settembre, poi “Tra storia e fede” verso Varallo Sesia (il 1° ottobre) ed i “Sapori di Valtellina”  per la Mostra del Bitto a Morbegno il 15 ottobre, mese che presenta anche le due novità 2017: ”A tutto vapore nel Parco del Ticino” l’8 ottobre e “Formaggi in Piazza” a Sondrio il 29 ottobre.
In collaborazione con “FTC – Ferrovia Turistica Camuna” viene inoltre confermata l’offerta di proposte per gruppi con partenza da Brescia o Rovato, con treni ordinari, alla scoperta degli scorci più belli della Franciacorta e del lago. Anche qui non mancheranno le occasioni “golose” con escursioni sempre a carattere enogastronomico, disponibili per un ampio periodo da fine
marzo a fine settembre.
Da sottolineare che ci piace definire questa serie di particolari gite fuoriporta (che riassumiamo insieme a quelle già segnalate prima) come ‘treni del gusto’, visto che le mete coincidono quasi sempre con i paesi e i borghi dove si tengono alcune tra le più interessanti sagre lombarde.
Con i ‘treni del gusto’ sarete così a:

-    Palazzolo s/O (BS) con un’escursione “Alla scoperta di Palazzolo” da Milano, Monza e Bergamo (1°maggio)

-    Paratico-Sarnico (BS-BG) per la “Festa di Primavera” da Milano, Monza e Bergamo (14 maggio)

-    Iseo (BS) per il “Festival dei Laghi Italiani” da Bergamo e Palazzolo (28 maggio)

-    Paratico-Sarnico (BS-BG) per la “Festa d’Estate” da Milano, Monza e Bergamo (11 giugno)

-    Sarnico (BG) per la “Sagra del pesce fritto” da Milano, Monza e Bergamo (25 giugno)

-    Paratico-Sarnico (BS-BG) per la “Festa dei borghi del lago d’Iseo” da Milano, Monza e Bergamo (10 settembre)

-    Mortara (PV) per il “Palio e la Sagra del salame d’oca” da Milano e Pavia (24 settembre)

-    Gallarate (VA) per “A tutto vapore nel Parco del Ticino” da Milano e Rho (8 ottobre)

-    Morbegno (SO) per i “Sapori di Valtellina” da Milano, Monza e Lecco (15 ottobre)

-    Sondrio per “Formaggi in Piazza” da Milano, Monza e lecco (29 ottobre).
E per concludere, altre puntate fuori Lombardia, visto che il ‘treno d’emozioni’ della Ferrovia del Basso Sebino promette fin d’ora che il 26 novembre, oltre al 3 e 8 dicembre  vi porterà in tutta comodità, sempre con un treno d’epoca, stavolta elettrico, nella magica atmosfera dei mercatini di Natale di Trento.
.
Ci piace chiudere ricordando la conferma dell’accordo tra TrenoBLU e  Riserva Naturale Oasi WWF di Valpredina a sostegno delle attività dell’area protetta per la diffusione della cultura ambientale e nella lotta alle emissioni di CO2.

 

Per ulteriori informazioni:
www.ferrovieturistiche.it

FBS – Ferrovia del Basso Sebino – 338 8577210 Sig. Cinquini Silvio (referente Gruppi, Agenzie e Stampa)

e-mail: trenoblu@ferrovieturistiche.it

 

 

 

TUTTI GLI AVVENIMENTI DI BERGAMO E PROVINCIA

 

Per vedere ed essere aggiornati su tutti gli Avvenimenti in corso a Bergamo e provincia clicca su:

 

banner-bergamoavvenimenti

 

 

cartinabergamasca1